La furia del ciclone Fani (aggiornato)

Oltre un milione di evacuati nell'Orissa e le prime vittime. Massima allerta nel Golfo del Bengala orientale

Oltre un milione di evacuati e le prime vittime: trenta, secondo i primi bilanci, in Bangladesh e in India. E’ per ora l’effetto  del  potente ciclone che ha colpito la costa  orientale dell’India e del Bangladesh con  piogge torrenziali e venti fino a 200 km all’ora. Il ciclone Fani, è una delle tempeste più violente che ha flagellato  la regione negli ultimi anni. Più di un milione di persone in India sono state evacuate dallo stato orientale dell’Orissa mentre inondazioni sono segnalate in diverse aree e si prevede  un’ondata di 1 metro e mezzo che potrebbe minacciare i piani bassi di molte abitazioni.

Clicca qui Per seguire il ciclone, il suo percorso e la risposta locale

La mappa è di Reliefweb. Aggiornamento del 4 maggio alle ore 15.30 italiane

L’immagine in copertina è tratta dal fotogramma di un’elaborazione grafica di Cnn

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Cambogia: il ritorno impossibile della democrazia

L'oppositore in esilio Sam Rainsy bloccato all'aeroporto di Parigi: non potrà marciare come voleva su Phnom Penh per contestare la dittatura del partito unico. Il governo khmer lancia l'allarme colpo di stato

di Emanuele Giordana E’ un ritorno impossibile quello della democrazia in Cambogia e per ...

Cina-India, scongiurato lo scontro

Sembra che siano giunti ad un accordo per scongiurare un nuovo conflitto. Da mesi ...

Il contagio della svolta autoritaria

Il  pretesto della pandemia mette in pericolo la democrazia in molti Paesi.  E in Europa il modello è guidato dall'Ungheria di Viktor Orban che agisce quasi indisturbato

di Maurizio Sacchi e Salvo Secondini Adottando misure dichiarate “di emergenza”  per affrontare il ...