La guerra del clima

Venti e inondazioni hanno investito l'Africa sudorientale colpendo almeno due milioni e mezzo di persone

Forti venti e inondazioni hanno colpito l’Africa sudorientale con un impatto fortissimo che ha colpito oltre due milioni e mezzo di persone. Il fenomeno potrebbe  essere considerato uno dei peggiori disastri meteorologici registrati nell’emisfero meridionale. I soccorritori – scrive stamane Aljazeera – stanno ancora lottando per raggiungere le vittime  sei giorni dopo che il ciclone Idai  è attivato alla velocità di 170 km / h dall’Oceano Indiano in Mozambico, poi in  Zimbabwe e Malawi.

Idai ha fatto terra bruciata  durante la notte tra il 14 e il 15 marzo – danno conto i resoconti di Ocha –  vicino alla città di Beira, provincia di Sofala, nel Mozambico centrale. Il ciclone ha poi portato piogge torrenziali e vento nelle province di Sofala, Zambezia, Manica e Inhambane.  Il pieno impatto del ciclone deve ancora essere stabilito, tuttavia, i rapporti iniziali indicano perdite di vite umane e danni significativi alle infrastrutture a Beira – isolata nelle comunicazioni – e nelle aree circostanti.

Il ciclone Idai ha continuato poi ad attraversare la terra come una tempesta tropicale e ha colpito lo Zimbabwe orientale con forti piogge e forti venti. La tempesta ha provocato forti venti e forti precipitazioni nei distretti di Chimanimani e Chipinge causando  inondazioni improvvise con vittime e  distruzione di mezzi di sussistenza e di proprietà. Subito dopo è venuto il turno del Malawi. Solo qui, secondo il governo, Idai ha colpito quasi un milione di persone: i morti sono sinora 56 e 577 i feriti.

La foto in copertina è di Unicef

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Cosa ci faccio con la bandiera

di Ilario Pedrini Prima della gestione politica ed economica del governo Mugabe – durata ...

La vittoria di Hong Kong

Ufficialmente "morto" il progetto di legge sull'estradizione ampiamente contestato dalla piazza

“La leader di Hong Kong, Carrie Lam Cheng Yuet-ngor (nell’immagine) ha ha dichiarato che  ...

Entro il 2030 moriranno 69 milioni di bambini

di Ilario Pedrini Entro il 2030 moriranno 69 milioni di bambini sotto i 5 ...