La guerra del clima

Venti e inondazioni hanno investito l'Africa sudorientale colpendo almeno due milioni e mezzo di persone

Forti venti e inondazioni hanno colpito l’Africa sudorientale con un impatto fortissimo che ha colpito oltre due milioni e mezzo di persone. Il fenomeno potrebbe  essere considerato uno dei peggiori disastri meteorologici registrati nell’emisfero meridionale. I soccorritori – scrive stamane Aljazeera – stanno ancora lottando per raggiungere le vittime  sei giorni dopo che il ciclone Idai  è attivato alla velocità di 170 km / h dall’Oceano Indiano in Mozambico, poi in  Zimbabwe e Malawi.

Idai ha fatto terra bruciata  durante la notte tra il 14 e il 15 marzo – danno conto i resoconti di Ocha –  vicino alla città di Beira, provincia di Sofala, nel Mozambico centrale. Il ciclone ha poi portato piogge torrenziali e vento nelle province di Sofala, Zambezia, Manica e Inhambane.  Il pieno impatto del ciclone deve ancora essere stabilito, tuttavia, i rapporti iniziali indicano perdite di vite umane e danni significativi alle infrastrutture a Beira – isolata nelle comunicazioni – e nelle aree circostanti.

Il ciclone Idai ha continuato poi ad attraversare la terra come una tempesta tropicale e ha colpito lo Zimbabwe orientale con forti piogge e forti venti. La tempesta ha provocato forti venti e forti precipitazioni nei distretti di Chimanimani e Chipinge causando  inondazioni improvvise con vittime e  distruzione di mezzi di sussistenza e di proprietà. Subito dopo è venuto il turno del Malawi. Solo qui, secondo il governo, Idai ha colpito quasi un milione di persone: i morti sono sinora 56 e 577 i feriti.

La foto in copertina è di Unicef

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Se l’Europa entra in Africa

di Tommaso Andreatta In Marocco c’è una enclave spagnola. Si chiama Ceuta. È un ...

Lagos senza pace

Continuano le violenze in Nigeria mentre anche l'Unione Africana condanna la dura reazione della polizia

Mentre l’Unione Africana (Ua) ha condannato fermamente la violenza in Nigeria dopo che  il ...

La svolta autoritaria della Tunisia

Oltre il 93% degli elettori ha votato sì al referendum che consegna massimi poteri al Capo dello Stato: libertà democratiche a rischio e forte crisi economica. Forte astensionismo

In Tunisia si teme una svolta autoritaria. Con il referendum proposto dal presidente Kais ...