La Mini-Schengen balcanica che divide

Si chiama Open Balkan Initiative il nuovo accordo regionale per l'area: ma all'appello mancano Bosnia Erzegovina, Montenegro e Kosovo

All’inizio, l’avevano soprannominata Mini-Schengen, ma si chiama Open Balkan Initiative. Il nickname è comunque utile a spiegare quali siano le finalità dell’iniziativa. Il progetto di cooperazione regionale ambisce ad eliminare molte delle limitazioni alle frontiere fra gli Stati balcanici extra-europei. Limitazioni che rallentano la circolazione di persone, beni, capitali e servizi. Tuttavia, finora solo tre su sei Stati dell’area hanno deciso di firmare l’accordo. I tre sono Albania, Macedonia del Nord e Serbia. Quindi, all’appello mancano Bosnia Erzegovina, Montenegro e Kosovo. L’iniziativa, nata nel 2019, dovrebbe partire a gennaio 2022 ed essere portata a termine entro il 2023. A prescindere da – e se – quali altri Stati decideranno di aggregarsi…. (continua)

Leggi tutto su Unimondo

Tags:

Ads

You May Also Like

Il summit in Turchia non sblocca lo stallo ucraino

Lavrov e Kuleba si sfidano nel primo vero contatto di vertice anche se la soluzione appare lontana e in salita. La Turchia incassa il ruolo di mediatrice

Antalya non sblocca la situazione ucraina. Lavrov e Kuleba si sfidano. Ma il primo ...

Turchia e Iran contro il Kurdistan

In un’inedita alleanza, i raid aerei di Ankara e Teheran bombardano dal cielo la parte irachena e quella siriana, mentre nell'area iraniana prosegue la repressione delle proteste pro-democrazia in corso dal 16 settembre

di Alessandro De Pascale Il Kurdistan è sotto assedio. Da giorni, in un’inedita alleanza, ...

Atlante e Intersos. Nuovi compagni di strada

Al via una stretta collaborazione con l'Organizzazione umanitaria italiana impegnata nelle emergenze in molte regioni del pianeta

L’Atlante dei conflitti e delle guerre nel mondo ha un nuovo compagno di strada. ...