La morsa della sete e le presidenziali in Somalia

Non c'è solo la guerra a complicare le cose per le presidenziali del 25 febbraio a Mogadisco. La siccità strangola il Corno d'Africa e sta colpendo duramente il Paese

La Somalia e la più ampia regione del Corno d’Africa stanno affrontando una delle più gravi siccità degli ultimi decenni. E’ uno degli elementi che rendono più complicata la situazione di un Paese con un esecutivo fragile in una condizione quotidiana di estrema insicurezza. Ma la siccità e la fame, come mostra la mappa delle Nazioni Unite riportata  qua sotto (da Reliefweb), diventano un’arma in più che allontana le promesse di una rapida pacificazione.

Preceduto da diversi negoziati che avevano prefigurato date sempre rinviate, un ennesimo accordo il 10 gennaio scorso dice che adesso ci siamo: le presidenziali si terranno in Somalia il 25 febbraio dopo che le elezioni per la Camera del popolo, iniziate il 1° novembre 2021, saranno terminate appunto per il 25 febbraio. Spetterà agli eletti scegliere il nuovo presidente. James Swan, rappresentante speciale del Segretario generale e capo dell’assistenza delle Nazioni Unite Missione in Somalia (Unsom) ne ha appena riferito al Consiglio di sicurezza. Sostiene che il piano elettorale ha fatto progressi ma le sfide (oltre alla litigiosità di candidati e gruppi) sono soprattutto due: la siccità – e dunque la fame – e la guerra, due cose che vanno a braccetto.

Secondo l’Onu circa 7,7 milioni di somali necessitano di assistenza umanitaria quest’anno, con 4,3 milioni colpiti dalla siccità e oltre 270.000 sfollati. Secondo il Somalia Food Security and Nutrition Assessment, pubblicato di recente dalla Fao, è probabile che oltre 1,4 milioni di bambini in Somalia – quasi la metà della popolazione sotto i cinque anni – soffrano di malnutrizione acuta a causa alla siccità. La grave carenza di acqua ha inoltre costretto le famiglie a migrare verso i centri urbani e periurbani, aggiungendosi ai 2,9 milioni di persone già sfollate a causa del conflitto e del cambiamento climatico. Da novembre 2021, i prezzi dell’acqua in alcune delle aree più colpite sono aumentati fino al 72%.

Poi c’è il tema della guerra. Al-Shabab, ha spiegato Swan, continua a rappresentare una grave minaccia alla sicurezza per la Somalia, con la regione di Banadir e gli Stati del Sudovest, che fungono da centro operativo della guerriglia islamista. Gli ultimi mesi hanno visto anche crescere l’uso di ordigni esplosivi improvvisati e un numero crescente di attacchi a Mogadiscio che hanno fatto diverse vittime civili. Swan ha anche ricordato che Amisom – African Union Mission to Somalia, missione di peace keeping dell’Unione africana sotto egida Onu – è attualmente in fase di revisione.

Leggi anche su Unimondo l’editoriale Allarme siccità. «Sarà la prossima pandemia mondiale per la quale non esistono vaccini»

(Red/Est/E.G.)

Tags:

Ads

You May Also Like

Mozambico: la denuncia di Save the Children

A Cabo Delgado  operatori di StC hanno raccolto tra gli sfollati racconti di  morte e  decapitazione anche di bambini di soli 11 anni.

A Cabo Delgado, una provincia del Mozambico, gli operatori di Save the Children hanno ...

Somalia, il «ritorno» dei pirati

di Tommaso Andreatta Acque della Somalia di nuovo insicure. I pirati sono tornati. La ...

Usa, sganciare bombe dal tetto del mondo

di Ilario Pedrini «Putin è meglio di Obama». Donald Trump lo ha detto nel ...