Via dal Mali. L’annuncio di Macron

La decisione  ufficiale dopo una lunga crisi diplomatica tra Parigi e il Paese africano

La decisione ufficiale era attesa ed era ormai solo questione di tempo. Ed è arrivata ieri: Parigi  e i suoi alleati, coinvolti nella lotta contro le milizie islamiste in Mali dal 2013  ritireranno le loro truppe dal Paese africano  dopo quasi un decennio. Lo ha annunciato il presidente Emmanuel Macron. Il capo di Stato francese ha negato che la missione sia stata un fallimento e ha insistito sul fatto che la Francia resterà  impegnata a combattere le insurrezioni islamiste nella regione. Ha anche aggiunto che il Niger si è detto disposto a  ospitare alcune delle forze in ritirata.

Alla base della decisione ci sono rapporti che si sono deteriorati coi golpisti maliani, Paese sospeso dall’Ecowas proprio per via del colpo di Stato militare. Macron ha affermato che la decisione di andarsene è infatti il seguito della rottura delle relazioni diplomatiche, in mezzo a una crescente ostilità antifrancese da parte della giunta militare al governo del Paese. “Non possiamo rimanere militarmente impegnati a fianco di  autorità  la cui strategia e obiettivi nascosti non condividiamo”, ha detto Macron giovedì in una conferenza stampa a Parigi.

La decisione del ritiro si applica sia alla forza francese Barkhane nel Sahel sia alla forza europea Takuba. Macron ha spiegato che  che le basi francesi di Gossi, Menaka e Gao in Mali saranno  chiuse entro i prossimi quattro o sei mesi e ha promesso un ritiro “ordinato”. Quanto a Bamako, il Mali ha  invece proposto che gli Stati europei che partecipano alla forza Takuba continuino a cooperare bilateralmente. Ma i rapporti sono tesi: l’Occidente accusa il Mali di aver utilizzato i servizi del controverso gruppo mercenario russo Wagner per rafforzare la sua posizione, una mossa che dà a Mosca un nuovo punto d’appoggio nella regione e che complica anche i negoziati sull’Ucraina in cui la Francia ha tentato di ritagliarsi uno spazio.

Nel testo le mappe operative delle due missioni africane. In copertina un soldati francesi durante un operativo

Tags:

Ads

You May Also Like

Kurdistan Occidentale. Ayse Gokkan: “Non vogliamo questo embargo”

di F.R. Ayse Gokkan e’ il sindaco di Nusaybin, citta’ curda al confine tra ...

Corea, minaccia atomica

di Tommaso Andreatta Le Nazioni Unite parlano ma è come aria da dare alla ...

Tunisia, i giovani contro il governo

di Andrea Tomasi L’onda rivoluzionaria ha un nome evocativo: «Che cosa aspettiamo?». Giovani contro ...