La nube Nancy Pelosi su Taiwan

L'ira di Pechino e l'allarme del Pentagono per la visita in agenda della Speaker del Congresso sull'isola contesa

di Maurizio Sacchi

 La Presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, che si trova in Malaysia, seconda tappa del suo tour in Asia, dovrebbe raggiungere l’aeroporto di Songshan, a Taiwan alle 22.20 di stasera. Il tour asiatico della Pelosi  è iniziato a  Singapore, dove ha incontrato il Primo ministro Lee Hsien Loong, ilPpresidente Halimah Yacob e altri membri del parlamento, mentre  infuriava la polemica sulla successiva tappa di Taiwan, che ha alimentato le tensioni con Pechino. Anche se non ci sono stati annunci ufficiali, i media locali di Taiwan hanno riferito che Pelosi è attesa per oggi 2 agosto sull’isola, diventando il più alto funzionario eletto degli Stati Uniti a visitarla in oltre 25 anni, dopo il presidente della Camera Newt Gingrich nel 1997.

La visita ha scatenato le ire di Pechino, che considera Taiwan come proprio territorio, e ha ripetutamente avvertito di “gravi conseguenze” se il viaggio si fosse realizzato. “Se Pelosi insiste nel visitare Taiwan, la Cina adotterà misure forti e risolute per difendere la propria sovranità e integrità territoriale”, ha dichiarato a Pechino il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian, senza fornire dettagli. “Coloro che giocano con il fuoco ne periranno”, ha detto Zhao. “Vorremmo ancora una volta ammonire gli Stati Uniti che siamo pienamente preparati a qualsiasi eventualità e che il PLA non se ne starà mai con le mani in mano”. L’Esercito Popolare di Liberazione è l’esercito cinese. Il presidente cinese Xi Jinping, in una telefonata della scorsa settimana con il presidente Joe Biden, ha anche messo in guardia gli Stati Uniti dall’intromettersi nei rapporti di Pechino con l’isola.

Le contromosse di Pechino sono già arrivate e  nella notte la Rpc ha sospeso l’import di beni alimentari da oltre 180 imprese di Taiwan, un duro colpo assestato  all’industria alimentare locale, tra agricoltura e pesca. Aerei da guerra cinesi sono stati avvistati questa mattina sulla linea mediana dello Stretto di Taiwan e  ieri navi da guerra cinesi sono presenti in prossimità della linea di separazione. Aerei cinesi avrebbero  ripetutamente eseguito manovre tattiche “toccando” la linea mediana, azioni queste considerate provocatorie.

L’Associated Press, citando diversi funzionari statunitensi, ha riferito che se Pelosi si fosse recata  a Taiwan, il Pentagono intensificherà il movimento di forze e altri mezzi nella regione indo-pacifica. Jet da combattimento, navi, mezzi di sorveglianza e altri sistemi militari saranno probabilmente utilizzati per creare zone cuscinetto che garantiscano il volo di Pelosi verso la nazione insulare. Anche la sicurezza a terra verrebbe rafforzata per prevenire eventuali incidenti durante la permanenza della presidente della Camera, e che se Pelosi dovesse proseguire il viaggio, gli Stati Uniti dovrebbero fornire capacità di salvataggio, come elicotteri posizionati su navi vicine e pronti a partire  con minimo preavviso.

L’amministrazione Biden ha cercato di rassicurare  Pechino , dicendo che non c’è motivo di “venire alle mani”,  e che se una visita del genere avvenisse, non segnerebbe alcun cambiamento nella politica degli Stati Uniti verso la Cina. A Washington, il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale, John Kirby, ha precisato ieri che “Pelosi non ha ancora annunciato una visita a Taiwan e sta a lei decidere” e che  “nulla è cambiato nella politica degli Stati Uniti” verso Taiwan., “non ne sosteniamo l’indipendenza”,

Le minacce di ritorsione per la visita della Pelosi sono un altro capitolo della crisi nello Stretto di Taiwan,  e rappresenta un altro colpo per i mercati globali e le catene di approvvigionamento. Pechino vede i contatti ufficiali americani con Taiwan come una spinta verso una dichiarazione di  indipendenza ufficiale di Taipei, indipendenza di fatto di fatto  reale da decenni, ma un passo che ufficialmente  gli Stati uniti dicono di non sostenere. Sia la Cina che Taiwan affermano di essere un unico Paese, anche se nessuna delle due riconosce ufficialmente il governo nazionale dell’altra.  Pur non avendo relazioni ufficiali,  sono legate da miliardi di dollari di scambi e investimenti.

Gli Stati Uniti hanno cambiato il riconoscimento diplomatico della Cina  da Taipei a Pechino nel 1979, ma mantengono relazioni informali con l’isola. Washington è vincolata dal Taiwan Relations Act, una legge federale, a fare in modo che Taiwan abbia i mezzi per difendersi. La “politica di una sola Cina” di Washington afferma di non prendere posizione sullo status delle due parti, ma di voler risolvere pacificamente la loro disputa. Pechino promuove un “principio di una sola Cina” alternativo, secondo cui le due parti sono un unico Paese e il Partito Comunista ne è il leader. La visita a Taiwan  rappresenta il coronamento di una carriera per la Pelosi, che utilizza sempre più spesso la sua posizione al Congresso per accreditarsi come emissario degli Stati Uniti sulla scena mondiale. Da tempo sfida la Cina sui diritti umani e all’inizio di quest’anno ha voluto visitare Taiwan.

Il Ministero degli Esteri di Singapore ha dichiarato che Lee ha accolto con favore l’impegno degli Stati Uniti per un forte coinvolgimento nella regione e le due parti hanno discusso i modi per approfondire il coinvolgimento economico degli Stati Uniti attraverso iniziative come l’Indo-Pacific Economic Framework. Nell’ottobre 2021, il Presidente Biden ha proposto un “Quadro economico indo-pacifico” come fulcro della strategia economica della sua amministrazione nei confronti della regione critica. Nei mesi successivi, i funzionari dell’amministrazione hanno lavorato per definire i contenuti dell’iniziativa e per consultarsi ampiamente con gli alleati e i partner regionali, nonché con le parti interessate e gli esperti nazionali. I dettagli pubblici rimangono scarsi, ma l’amministrazione ha ora chiarito che l’IPEF consisterà in quattro “pilastri” di lavoro: (1) commercio equo e resiliente (che comprende sette sottotemi, tra cui gli standard lavorativi, ambientali e digitali); (2) resilienza della catena di approvvigionamento; (3) infrastrutture, energia pulita e decarbonizzazione; e (4) tasse e lotta alla corruzione. 

In copertina Nancy Pelosi in una foto ufficiale 

___

Tags:

Ads

You May Also Like

Clima, verso la fine della Cop25

A Madrid si sta per concludere la Conferenza delle Nazioni Unite: scettici sulla riuscita gli attivisti di Friday for Future

Non si è ancora conclusa ma molti degli attivisti di Friday for Future sono ...

Un nuovo patto atlantico Usa Gb

Il primo viaggio ufficiale all'estero di Biden rilancia le relazioni con gli alleati. Per dimenticare Trump ma non Putin e Pechino

Sale la tensione tra la Nato e Mosca

Un miliardi di nuovi investimenti in nome della deterrenza. E la crisi tra l'Alleanza e la Russia aumenta

I ministri della Difesa della NATO hanno concordato un nuovo piano di “deterrenza” per ...