La pandemia e i diritti secondo Amnesty

Il rapporto 2021 dell'organizzazione dedicato agli effeti del Covid-19 sulle nostre vite

Anche quest’anno Amnesty International Italia pubblica il Rapporto sulla situazione dei diritti umani nel mondo. L’edizione di quest’anno, arricchita da un’introduzione della nuova segretaria generale di Amnesty International Agnès Callamard, contiene cinque panoramiche regionali e schede di approfondimento su 149 paesi. Oltre al volume, una serie di infografiche presenta le principali tendenze globali.

Nel 2020 la pandemia da Covid19 si è insinuata in società afflitte da disuguaglianza e discriminazione, allargando solchi e divisioni già esistenti. Ha approfittato di politiche di sanità pubblica colpevolmente inadeguate. La risposta di molti governi non è stata all’altezza della sfida posta dall’emergenza globale e non pochi di loro hanno ne hanno approfittato per introdurre nuove leggi repressive. Oltre a quelle causate della pandemia, le violazioni dei diritti umani hanno colpito popolazioni civili nei conflitti, minoranze etniche, donne, dissidenti: come in un qualunque anno pre-pandemia.

Il rapporto si può leggere qui

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

L’attesa di Mindanao

Dopo la forte affluenza nella regione musulmana delle Filippine per il referendum sull'autonomia della Bangsamoro crescono le aspettative. Domani i risultati

Circa tre milioni di aventi diritto nella regione di Mindanao nelle Filippine hanno votato ...

Libero!

Scarcerato l'avvocato turco Aytac Unsal  dopo oltre 200 giorni di digiuno

L’avvocato turco Aytac Unsal è libero. Dopo 213 giorni di sciopero della fame per ...

L’Iran dei conservatori

La vittoria dell'ala anti riformista non nasconde la disaffezione al voto degli iraniani

Come previsto e come confermano i media governativi iraniani, i conservatori domineranno il nuovo ...