La scelta. Apre domani il Festival di Emergency

Dal 2 al 4 settembre per ricordare Gino Strada e ragionare sui conflitti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Dal 2 al 4 settembre torna a Reggio Emilia il Festival di EMERGENCY. Dopo due anni di pandemia che ha sconvolto le vite di tutti e una nuova guerra nel cuore dell’Europa, l’associazione dedica tre giorni di incontri e dibattiti al tema de “La scelta”. Scrittori, scienziati, filosofi, giornalisti e voci del mondo contemporaneo porteranno avanti, insieme ai rappresentanti di EMERGENCY, una riflessione collettiva su un quesito che segna questo momento storico dove un ulteriore conflitto si aggiunge a quelli già esistenti nel mondo: perché scegliamo la guerra come strumento di risoluzione delle controversie? Perché scegliamo di non proteggere noi e il futuro?
“Non è una questione di risorse che mancano, ma di scelte che non si fanno. È arrivato il momento di decidere che priorità ci diamo come società: la vita delle persone o la guerra? Salute, istruzione gratuita, un lavoro dignitoso e protezione o fame e sofferenza per molti? Non è troppo tardi per andare in una direzione più giusta”. (Gino Strada)
Sull’onda di queste parole, per il secondo anno consecutivo, a Reggio Emilia le piazze, i teatri e i luoghi di aggregazione cittadini vedranno ospiti illustri e autorevoli confrontarsi sui temi stringenti dell’attualità con EMERGENCY: dall’ambiente ai rifugiati, dai racconti dal campo dei protagonisti e delle vittime dei conflitti attuali fino alle concrete possibilità di disarmo. Tra loro ci saranno direttori di giornali, conduttori, giornalisti e inviati come Laura Silvia Battaglia, Giuliano Battiston, Annalisa Camilli, Marco Cattaneo, Giles Duley, Riccardo Iacona, Gad Lerner, Simona Maggiorelli, Francesca Mannocchi, Giampaolo Musumeci, Alberto Negri, Nico Piro, Nello Scavo, Barbara Schiavulli, Marta Serafini, Giammarco Sicuro, Emanuela Bonchino, Eva Giovannini, Emanuele Giordana, Federico Taddia e Marco Tarquinio. Ma anche esponenti del mondo della cultura e della scienza come il disegnatore satirico Mauro Biani, la sociolinguista Vera Gheno, la scrittrice Edith Bruck e lo scrittore Soumaila Diawara, le filosofe Michela Marzano e Donatella Di Cesare, lo storico Marcello Flores e il coordinatore delle Campagne Rete Italiana Pace e Disarmo Francesco Vignarca. Presenti anche nomi del mondo delle arti performative come l’attore e autore Andrea Pennacchi, il comico, attore e scrittore Alessandro Bergonzoni, l’attore, autore e presentatore Beppe Salmetti insieme ai fumettisti Takoua Ben Mohamed e Flavio Rosati. Non mancheranno nomi internazionali tra cui la parlamentare inglese Natalie Bennett, l’esploratrice di National Geographic Malaika Vaz, la giornalista afgana tra le donne dell’anno del Time 2022 Zahra Joya, il fotografo afgano Farshad Usuyan, la fotoreporter Lynzy Billing e il presidente del Global Peace Dividend Initiative Matteo Smerlak.
In Piazza Prampolini, palco principale di Reggio Emilia si svolgeranno appuntamenti con due format diversi: i Dialoghi, incontri tra voci esperte sui temi fulcro del Festival, e le EMERGENCY Stories condotte dal giornalista di Radio 24 Giampaolo Musumeci. Tre incontri in cui, a partire dall’esperienza umanitaria sul campo e grazie al contributo degli ospiti, si restituirà il senso della scelta di EMERGENCY: la necessità di prendersi cura delle vittime delle guerre e di denunciarne gli orrori, l’importanza del soccorso in mare e dell’accoglienza, il significato di essere un’organizzazione solidale e umanitaria.
In Piazza Casotti, invece, ci saranno le Domande per pensare: format veloce in cui in venti minuti un esperto cercherà di rispondere a domande su guerra, pace, ambiente, migrazione, giornalismo come “Esistono parole da odiare? Come ci si difende dal marketing della guerra? Come nasce un genocidio? La guerra cambia il clima?”.
Anche l’arte, la musica e la fotografia con EMERGENCY contribuiranno a riempire le piazze di voci e storie su cui riflettere perché, anche quest’anno, il percorso del Festival si snoderà attraverso tutto il centro della città: il Palazzo dei Musei di Reggio Emilia ospiterà la mostra “No more war”, un progetto artistico del fotografo Giles Duley che ha raccontato e vissuto sulla sua pelle l’impatto della guerra in Afghanistan. Il lavoro è basato sulla contaminazione artistica per esprimere un messaggio deciso: mai più nessuna guerra. E, ancora, il cortile di Palazzo Ancini, sede ANPI, sarà il palcoscenico del format “Make art not war”: cinque incontri tra cinema, teatro, fotografia, poesia e graphic novel in cui raccontare come diverse forme artistiche sono impegnate nella denuncia degli orrori della guerra, nella promozione della pace e nella difesa dei diritti umani. Il Teatro San Prospero, infine, ospiterà la rassegna “La pace, che spettacolo!” che consisterà in tre appuntamenti con le proiezioni cinematografiche organizzate in collaborazione con Doc/it , Associazione Documentaristi Italiani “Flee” di Jonas Poher Rasmussen (2021), “The Earth Is Blue as an Orange” di Iryna Tsilyk (2020) e lo spettacolo teatrale di EMERGENCY “Pia e Damasco”. Ci sarà spazio anche per approfondire la conoscenza della città grazie a una camminata evento mattutina organizzata dagli Psicoatleti.
Infine sabato 3 settembre, alle ore 21:30, la grande serata al Teatro Valli “Un mondo nuovo”, le
parole di Gino Strada con la partecipazione straordinaria di Stefano Fresi e Daniele Silvestri. A seguire il concerto “La musica che verrà” della Buxus Consort Strings con musiche di Mozart, Beethoven, Tchaikovsky ed Ezio Bosso.
Non mancheranno le attività dedicate a bambini, ragazzi e famiglie che potranno seguire tanti appuntamenti nella Biblioteca Panizzi realizzati dall’Ufficio Scuola di EMERGENCY in collaborazione con Fondazione Reggio Children e La Carovana dei Pacifici. Uno spazio aperto dove giocattolai e atelieristi insieme ad autori e scrittori useranno la loro fantasia e creatività per ragionare con i più piccoli sulla scelta della pace e su come fare per realizzarla. Gli incontri sono rivolti a chi vuole ricercare le parole adatte per parlare delle conseguenze della guerra ai più giovani e per educare alla pace con idee, azioni e scelte.
EMERGENCY crede che la pace sia una scelta realmente perseguibile a partire dalla conoscenza e dalla pratica quotidiana dei diritti umani. Il Festival di EMERGENCY, dal 2 al 4 settembre a Reggio Emilia, perciò, potrà essere un’occasione in cui parlare e confrontarsi su questi temi per ricordare che, in fondo, è sempre una questione di scelte.
Grazie a un protocollo d’intesa, la città di Reggio Emilia ospiterà il Festival di EMERGENCY anche per l’edizione 2023.
Il Festival di EMERGENCY si tiene con il patrocinio di Rai per la Sostenibilità-ESG e con la media partnership di Rai Radio 3 e Rai News 24.
Il calendario degli appuntamenti è disponibile all’indirizzo www.emergency.it/festival. Gli eventi sono tutti gratuiti e prenotabili su ticketone.it/artist/festival-emergency/.
È possibile accreditarsi al Festival di EMERGENCY mandando un’email a ufficiostampa@emergency.it.
Ufficio stampa EMERGENCY

In copertina: Gino Strada

Tags:

Ads

You May Also Like

Opposizione albanese

Due manifestazioni, incidenti e l'assalto al palazzo del governo scuotono l'esecutivo del socialista Edi Rama. Gli  scenari dietro lo scontro

In Albania il governo vacilla. Sabato 16 febbraio la capitale Tirana è stata scossa dalle ...

I cento giorni della guerra in Ucraina

Il conflitto tra Mosca e Kiev  sta scivolando sul Mondo: un rumore di fondo a dispetto della tragedia vissuta dalle persone

di Raffaele Crocco Sono 100 giorni più o meno. La guerra fra Russia e ...

Non c’è Pace se non c’è lavoro

Un mondo in pace è un mondo in cui ogni essere umano ha un lavoro dignitoso e lo ha perché è un suo è diritto. Un diritto, non merce, non un costo come da decenni sentiamo dire

di Raffaele Crocco* La questione è che il lavoro è il primo mattone per ...