Dossier/ Crisi climatica e disuguaglianze

A pagare il prezzo più alto della crisi climatica sono i poveri e gli emarginati. A confermare questo nesso, più volte analizzato anche dall’Atlante delle Guerre (vedi sezione link utili e correlati), è uno studio condotto dai ricercatori Noah S. Diffenbaugh e Marshall Burke e pubblicata dalla rivista scientifica Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences. In estrema sintesi l’analisi rivela che il divario economico tra paesi ricchi e poveri sarebbe stato più piccolo senza la crisi climatica.

Di seguito analizziamo alcuni dei tratti del rapporto.

Crisi climatica e povertà

Anche le persone che non vivono in condizioni di estrema povertà sono, secondo la Ong Action Aid International, a rischio. Un esempio è il Senegal, dove nel delta del Saloum l’innalzamento del livello del mare sta rendendo difficile per le comunità coltivare o pescare. Per questo le persone sono costrette a migrare e diventano manodopera non qualificata nelle aree urbane.

A Madrid, oltre il 20% delle famiglie è a rischio di povertà energetica perché non hanno la possibilità di mantenere le case calde in inverno e fresche in estate. Un altro Paese estremamente colpito nell’ultimo anno è il Mozambico, che primi mesi del 2019 ha subito due eventi catastrofici ravvicinati. Secondo Oxfam International i due cicloni hanno lasciato 2,6 milioni di persone bisognose di cibo, riparo e acqua pulita. Migliaia di persone hanno dovuto cercare un nuovo posto dove vivere. Secondo il Centro di monitoraggio degli spostamenti interni con sede in Svizzera, erano circa sette milioni (su un totale di 10,8 milioni di persone sfollate internamente tra gennaio e giugno di quest’anno) le persone costrette a lasciare le proprie case a causa di disastri meteorologici e terremoti.

Le conseguenze arrivano anche negli Stati Uniti. Uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista peer-reviewed, Science, afferma che le temperature più elevate, ad esempio in Arizona, porteranno a un uso più intenso dei sistemi di raffreddamento, che a sua volta implicherà un maggiore consumo di energia e costi più elevati per i consumatori.

Le donne saranno più colpite

Il rischio per le famiglie con la madre come capofamiglia saranno colpite tra il 35 e il 120% in più rispetto alle altre. Le donne anziane che vivono sole e le madri single sono, secondo le rilevazioni, particolarmente vulnerabili. Le donne sono state infatti individuate come coloro che hanno più probabilità di subire le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Ad esempio quando non si hanno raccolti, le famiglie contadine in difficoltà sono spesso costrette a ritirare i propri figli da scuola e sono sempre le ragazze le prime. Per fare un esempio europeo, poi, la pensione media più alta tra le donne a Madrid è inferiore alla pensione media più bassa per gli uomini: nel 50% dei casi quindi le famiglie di madri single vivono al di sotto della soglia di povertà.

Tags: