Oromo sotto sfratto, è stato di emergenza in Etiopia

Il fronte di liberazione degli Oromo (foto da Wikipedia)

Nel Land grabbing  si può riscontrare una delle cause degli scontri che stanno smuovendo  e insanguinando l’Etiopia.

La recente crisi è stata scatenata dall’uccisione il 2 ottobre di oltre 150 persone durante i festeggiamenti per la fine della stagione delle piogge.

Il 9 ottobre il governo ha decretato lo stato di emergenza “in modo da poter affrontare gli elementi alleati alle forze straniere che mettono in pericolo la pace e la sicurezza nel Paese”.

Epicentro la regione dell’Oromia nella quale vive il più grande gruppo etnico del paese che rappresenta quasi il 32% della popolazione.

Da anni gli Oromi hanno avviato una battaglia per l’indipendenza e in questi giorni di tensione il governo etiope ha accusato Egitto e Eritrea di fomentare gli scontri in nome di rivendicazioni territoriali passate. Per l’Egitto l’accusa è poi quella di appoggiare il Fronte di Liberazione Oromo (OLF), nato nel 1973.

Le proteste sono state finora represse nel sangue e hanno provocato centinaia di morti. La reazione del governo centrale è stata infatti di estrema chiusura con arresti, l’istituzione di coprifuoco, internet e social network bloccati. In Etiopia ci sono almeno 80 gruppo etnici. I principali sono gli Orono e gli Amhara.

L’Oromia è considerata una delle aree più ricche del continente Africano, sia dal punto di vista naturale che agricolo. Il 60% dell’economia etiope è basata sulle risorse prodotte dalla regione oggi in contestazione.

L’etnia locale ha protestato più volte contro il piano governativo di landgrabbing che da anni toglie terre ai contadini del posto in favore di grosse aziende straniere.

Il piano prevedeva di espandersi per 1,5 milioni di ettari intorno alla regione, sfrattando gli agricoltori locali  Le proteste sono proseguite anche dopo che il Governo di Addis Abeba aveva deciso di rinunciare al piano.

Fonti:

http://www.repubblica.it/solidarieta/diritti-umani/2016/10/10/news/etiopia_stato_di_emergenza_in_fiamme_per_la_repressione_degli_oromi_-149479228/?refresh_ce

http://mgafrica.com/article/2016-08-17-00-ethiopias-volcano-the-oromo-are-resisting-the-regime-and-its-bid-to-grab-their-land-1

http://it.ibtimes.com/ecco-cosa-sta-realmente-accadendo-etiopia-1469260

http://www.internazionale.it/notizie/awol-kassim-allo/2016/10/10/etiopia-minoranze-proteste

Tags:

Ads

You May Also Like

La minoranza mongola nel mirino di Pechino

Dopo Tibet e Xinjiang pugno duro sulla lingua della Mongolia interna. Un'analisi di Chinafiles  collaborazione con Gariwo Onlus

di Alessandra Colarizi Il 1° settembre si è conclusa una lunga transizione verso l’uso ...

Tigrai senza pace

 Si riduce lo spiraglio di speranza sulla possibilità mediazione dell’Unione Africana. Con la ripresa delle ostilità del mese scorso, i livelli di diffidenza reciproca aumentano e la strada del negoziato  sembra ancora in salita

di Marta Cavallaro Eventi inattesi e dichiarazioni inaspettate hanno caratterizzato nelle ultime settimane il ...

Il bavaglio alla rete costa caro

Dal 2019 a oggi, con 257 interruzioni importanti del servizio in 46 Paesi, il prezzo  per l’economia globale è stato di oltre 18 miliardi di dollari. Il caso Twitter-Nigeria

Nairobi (dall’inviato) – Nel 2022 dieci chiusure di Internet in 6 Paesi del pianeta ...