Protesta violenta dopo il voto boliviano

Tensione alta e scontri nel Paese dove l'opposizione di Carlos Mesa accusa il vincitore Evo Morales di frode elettorale

In Bolivia la tensione resta alta mentre l’opposizione a Evo Morales, appena eletto al primo turno, accusa il presidente (al suo quarto mandato) di aver truffato gli elettori manipolando il voto. Manifestazioni pro e contro il governo in varie città della Bolivia sono sfociate in aspri scontri a La Paz, Cochabamba e Santa Cruz, dove ci sono stati almeno una trentina di feriti, di cui uno grave.

La situazione nel Paese si è surriscaldata dopo la vittoria di Evo Morales per un episodio avvenuto nella notte in cui si svolgeva lo spoglio delle schede per via di un’interruzione del conteggio: l’accusa è che l’interruzione fosse dovuta al fatto che sembrava che il voto stesse dando l’indicazione di andare verso il ballottaggio mentre quando il conteggio è poi ripreso è sembrato, al contrario, che Morales avesse abbastanza voti per vincere al primo turno. Com’è poi avvenuto. Il cambiamento è apparso “drastico e difficile da spiegare” secondo gli  osservatori dell’Osa presenti.

Il controverso conteggio ufficiale ha comunque dato il 47,08% dei voti al presidente uscente mentre, secondo quanto riferito dal Tribunale Supremo elettorale, lo sfidante Carlos Mesa ha ottenuto solo il 36,5%. Tra i due c’era dunque uno scarto superiore al 10%, tale da non richiedere il ballottaggio. Il leader dell’opposizione ha però “respinto e ignorato la chiusura dello scrutinio nazionale delle elezioni perché è il risultato di una frode e la violazione della volontà popolare”.

La contestazione ha subito polarizzato il Paese mentre l’ex presidente (dal 2003 al 2005) Carlos Mesa esige lo svolgimento di un ballottaggio e ha respinto le accuse rivoltegli dal vicepresidente Alvaro Garcia Linera di incitazione alla violenza. ” O vado in carcere – ha detto Mesa – o divento presidente”. Quanto a Morales, ha detto che “Stiamo nuovamente mobilitandoci per difendere la democrazia, la Casa Grande del Popolo e il processo di cambiamento”.

Oggi il deputato dell’opposizione Gonzalo Barrientos ha denunciato la frode elettorale (vedi il video sottostante) esibendo alcuni atti elettorali che dimostrerebbero i brogli in un municipio di Potosí  anche se resta da capire come se li sia procurati e se rispondano a verità o quanto siano gravi le violazioni e quanto diffuse.

(Red/est)

In copertina la pagina web de La Jornada, giornale del Messico, Paese che ha subito riconosciuto la vittoria di Morales

Tags:

Ads

You May Also Like

La nuova era di Israele

Nuovo accordo di governo e presidente per "ricostruire un'immagine da proiettare all'Occidente". Il commento di Eric Salerno

L’escalation del conflitto birmano

Mentre Tatmadaw fa sciogliere il partito di Aung San Suu Kyi la battaglia contro il golpe continua

Cina/Usa, sale la tensione

Dopo che il Canada ha accolto la richiesta americana di estradizione per Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei, azienda e governo cinese contrattaccano. Mentre si addensano nubi sul vertice con Trump per le tariffe commerciali

di Maurizio Sacchi Anche nella “guerra commerciale” tra Usa e Rpc il nuovo stile ...