Tensione in Bolivia nello scontro Morales/Mesa

Il presidente del Paese andino che cerca un quarto mandato avrebbe passato il primo turno ma l'opposizione lo accusa di frode. Contestazioni da Osa e Usa

I primi dati ufficiali rilasciati dall’ Órgano Electoral Plurinacional mostravano che Evo Morales si era imposto alle elezioni presidenziali ma che comunque  sarebbe andato  al secondo turno contro il suo sfidante Carlos Mesa. Con l’83% dei voti contati, l’attuale presidente avrebbe avuto il 45,71% dei voti mentre il suo principale rivale, dell’alleanza di centro destra Comunidad Ciudadana, avrebbe raggiunto il 38% dei voti. Il voto però non è stato pacifico perché poi le cose sono cambiate avvantaggiando Morales al punto di consentirgli di passare senza ballottaggio.

Manifestanti hanno così dato fuoco agli uffici elettorali nelle regioni di Sucre e Tarija e in altri luoghi del Paese dopo che i risultati preliminari del voto di domenica hanno poi  dato come vincente il presidente Evo Morales in circostanze ritenute però controverse. L’accusa è che il conteggio fosse stato interrotto  perché sembrava che il voto stesse dando l’indicazione di andare verso il ballottaggio mentre quando il conteggio è poi ripreso è sembrato poi al contrario che Morales avesse abbastanza voti per vincere al primo turno. Il cambiamento è apparso “drastico e difficile da spiegare” secondo gli  osservatori dell’Osa.

La missione di verifica dell’Organizzazione degli Stati americani (Osa) ha espresso infatti “profonda preoccupazione e sorpresa” per il cambiamento nella tendenza dei risultati elettorali che stanno per dare al presidente Evo Morales la vittoria al primo turno: “La missione Osa esprime profonda preoccupazione e sorpresa per il cambiamento drastico e difficile da giustificare nella tendenza dei risultati preliminari “ e che apparivano orientati verso il ballottaggio con l’avversario Carlos Mesa, diceva ieri una nota dell’organismo.

Gli Stati Uniti sono intervenuti accusando il tribunale elettorale della Bolivia di “sovvertire la democrazia”: “Chiediamo al Supremo Tribunale elettorale di agire immediatamente per ripristinare la credibilità nel processo di conteggio dei voti”, dice una nota del  governo degli Stati Uniti, cui non piace l’idea di un quarto mandato del presidente di sinistra.

Evo Morales infatti, se fosse confermato al primo turno, avrebbe guadagnato il suo quarto mandato che lo vedrebbe a capo dello Stato sino al 2025.

(Red/E.G.)

 In copertina: La Paz Foto di Photo by Tobias Jelskov per Unsplash

Nel testo: Morales (sopra) e Mesa (wikicommons)

Tags:

Ads

You May Also Like

Afghanistan 2019: annus horribilis (aggiornato)

Indiscrezioni danno per imminente una tregua ma l’anno appena finito si chiude con un bilancio nefasto per i civili. E per la prima volta esercito afgano e alleati detengono il primato delle vittime civili

Sebbene, secondo fonti giornalistiche, il leader talebano mullah Hibatullah Akhundzada si sarebbe detto d’accordo ...

Il futuro degli indigeni

Accaparramento e distruzione delle terre, pandemia e riduzione dei finanziamenti si sommano alle difficoltà che molte comunità devono da sempre affrontare. Si chiude oggi all'Onu la dieci giorni del Permanent Forum on Indigenous Issues

Brasile, violenza olimpica

di Andrea Tomasi Tutto pronto (o quasi) per la festa a cinque cerchi. Le ...