Proteste/Iran: la risposta del regime

Il governo agita lo spettro dell'ingerenza esterna in una manifestazione pubblica a sostegno della Repubblica islamica

I manifestanti, sventolano bandiere nazionali e gli striscioni mostrano le frasi  “Morte all’America” e “Morte a Israele” accompagnati da slogan a favore della Repubblica islamica. Alcuni tra i manifestanti  hanno dato fuoco alle bandiere americane. Sono le immagini che raccontano  la risposta del regime che ieri ha voluto denunciare, con una manifestazione a sostegno del governo,  le violente proteste della scorsa settimana in Iran per l’aumento dei prezzi del carburante.

Rivolgendosi a migliaia di manifestanti nella capitale lunedì, il generale Hossein Salami ha accusato gli Stati Uniti, il Regno Unito, Israele e l’Arabia Saudita di aver alimentato i disordini, in cui diversi manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza iraniane. L’Iran distruggerà gli Stati Uniti e i suoi alleati se attraverseranno la “linea rossa” segnata da Teheran, ha detto il capo del corpo d’élite dei Guardiani della Rivoluzione. Discorso infuocato che sembrava avere l’obiettivo di stornare l’attenzione sulla crisi interna accusando  responsabilità esterne.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

In copertina un fotogramma della manifestazione tratto dalla tv iraniana StarTv

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Sudan: c’è l’accordo

Militari e civili, con la mediazione di Unione Africana ed Etiopia, sono arrivati ad un'intesa per il periodo di transizione

Accordo raggiunto in Sudan tra i militari e l’opposizione civile riunita nelle Forze per ...

Tributo di sangue

Nello Yemen continua a salire il numero delle vittime. Novembre 2017 il mese peggiore

Secondo i dati raccolti dal Centro di ricerca  sulla localizzazione e gli eventi dei ...

Usa-Cina: tregua, non pace – 1

Pro e contro la linea dura di Trump. Timori di recessione e paura del colosso asiatico. Cosa se ne pensa in Europa. E sullo sfondo la crisi di Hong Kong

di Maurizio Sacchi  Il riannodarsi a metà ottobre dei dialoghi commerciali fra Stati uniti ...