Proteste/Iran: la risposta del regime

Il governo agita lo spettro dell'ingerenza esterna in una manifestazione pubblica a sostegno della Repubblica islamica

I manifestanti, sventolano bandiere nazionali e gli striscioni mostrano le frasi  “Morte all’America” e “Morte a Israele” accompagnati da slogan a favore della Repubblica islamica. Alcuni tra i manifestanti  hanno dato fuoco alle bandiere americane. Sono le immagini che raccontano  la risposta del regime che ieri ha voluto denunciare, con una manifestazione a sostegno del governo,  le violente proteste della scorsa settimana in Iran per l’aumento dei prezzi del carburante.

Rivolgendosi a migliaia di manifestanti nella capitale lunedì, il generale Hossein Salami ha accusato gli Stati Uniti, il Regno Unito, Israele e l’Arabia Saudita di aver alimentato i disordini, in cui diversi manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza iraniane. L’Iran distruggerà gli Stati Uniti e i suoi alleati se attraverseranno la “linea rossa” segnata da Teheran, ha detto il capo del corpo d’élite dei Guardiani della Rivoluzione. Discorso infuocato che sembrava avere l’obiettivo di stornare l’attenzione sulla crisi interna accusando  responsabilità esterne.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

In copertina un fotogramma della manifestazione tratto dalla tv iraniana StarTv

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Sri Lanka, caccia al musulmano

Il governo estende il coprifuoco a tutto il Paese dopo un lunedi nero con incendi di moschee, negozi e libri sacri che si conclude con una vittima uccisa a colpi d'arma da fuoco. Le gerarchie buddiste e cattoliche prendono posizione

Gran parte della provincia nordoccidentale dello Sri Lanka ha visto un’ondata di violenze anti musulmane ...

Fermiamo la violenza in Kashmir: l’appello

Atlante delle guerre insieme a Cinema dei Diritti Umani di Napoli e al Festival dei Diritti Umani di Milano è tra i promotori di questo testo che punta ad accendere i riflettori sulla regione contesa  tra India e Pakistan

Accendiamo i riflettori sul Kashmir, per non dimenticare un conflitto che rischia una drammatica ...