Ricordiamo Vittorio

Un anno dalla morte

In questi giorni ricordare Vittorio Arrigoni significa ricordare che, nel mondo, l’ingiustizia c’è ancora. E ricordare che, fortunatamente, c’è chi si batte per denunciarla, usando i mezzi che ha. Vittorio lo faceva. Noi gli abbiamo dedicato la terza edizione dell’Atlante. Qui pubblichiamo il comunicato sulle iniziative volute dalla Rete romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese. Così gli rendiamo omaggio

RESTIAMO UMANI – Parole, Voci, Musica e Immagini”

Roma, 12 aprile 2012

Sono ormai 21 le città italiane che ricorderanno Vittorio Arrigoni a un anno dalla sua barbara uccisione. Tra il 13 e il 15 aprile, ospiteranno eventi ed iniziative Roma, Bologna, Bulciago, Milano, Torino, Trento, Bergamo, Carrara, Vigevano, Buti, Napoli e Acerra, così come una fiaccolata illuminerà l’ambasciata italiana al Cairo, e manifestazioni riempiranno le piazze di Madrid, Colonia e Parigi.

Sono invece già iniziate le mobilitazioni nella West Bank e nella Striscia di Gaza, dove gli attivisti internazionali e palestinesi si collegheranno con alcune delle iniziative gemelle che si svolgeranno in Italia e all’estero.
Domenica 15 aprile, Roma, Bulciago e Milano si uniranno in diretta streaming per ricordare l’attivista italiano, passandosi virtualmente il ‘testimone’ nel corso di una giornata che vedrà la partecipazione dei tanti amici, attivisti e artisti che hanno voluto fortemente dare il proprio contributo alle iniziative di commemorazione di Vittorio Arrigoni.
Il 14 e il 15 aprile, la Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese* e la Comunità Palestinese di Roma e del Lazio organizzano “Restiamo Umani – Parole, Voci, Musica e Immagini”, una due giorni di eventi, in cui verranno presentate le numerose iniziative che continuano a legare l’Italia ai Territori Palestinesi Occupati.

In particolare verrà lanciata una raccolta fondi per uno dei progetti sostenuti da Vittorio Arrigoni a favore della popolazione di Gaza. Si tratta di Oliva, un’imbarcazione che opera nelle acque che bagnano la Striscia per monitorare, assistere ed interporsi alla marina israeliana, che continua quotidianamente a minacciare la sopravvivenza dei pescatori palestinesi. Per le donazioni, Conto Unipol intestato a Nino Lisi causale Restiamo Umani, IBAN: IT94K0312703241000000001237.

Il 14 aprile, a partire dalle 16.30, i giardini di Piazza Vittorio Emanuele II ospiteranno proiezioni di video, concerti musicali e le letture del libro “Restiamo Umani”, interpretate dagli attori del Teatro Valle.

Ad aprire le danze, le Murghe,i Blue Staff, Canio Lo Guercio, Alessandro D’Alessandro e Antonella Costanzo. Lo spettacolo tratto da “Ricordati di chiudere bene la porta” di Marina Sorrenti, recitato da Alessandra Roca, il concerto degli Alma Vulgaris, dei Malicanti e dei Mediterranti solo per citarne alcuni.

Il 15 aprile sarà la volta della Sala Vittorio Arrigoni (Cinema Palazzo), dove a partire dalle 18.30 filmakers, fotografi, musicisti, attori e attivisti si alterneranno ai collegamenti audio e video con la Striscia di Gaza, Ramallah e le altre iniziative gemelle, in particolare a Milano (dove è atteso l’intervento di Moni Ovadia) e Bulciago.

Tra gli interventi in programma, la missione Welcome to Palestine e Ramallah, mentre a musicare la giornata, le Nuove Tribu Zulu, la Linea di Greta, gli Assalti Frontali e Shadia.

Senza la loro libertà, non saremo mai liberi e libere.

Tags:

Ads

You May Also Like

La Libia e il ricatto di Haftar

Dopo i fragili accordi di Berlino il generale  prepara un viaggio a Mosca

Dalla Libia il generale Khalifa Haftar, comandante ribelle le cui forze stanno assediando Tripoli, ...

Nucleare: la lista nera di chi lo produce

Armamenti. Un rapporto di  International Campaign to Abolish Nuclear Weapons e Pax

ICAN e la sua organizzazione partner Pax hanno pubblicato un rapporto con i profili ...

A fuoco le elezioni

In Congo l'incendio del magazzino elettorale rimanda ancora le votazioni da cui sono escluse due aree colpite da ebola e che si oppongono a Kabila

Elezioni infuocate, non solo in senso figurato, quelle nella Repubblica Democratica del Congo. Le ...