Scacco al Nobel

In un solo giorno Aung San Suu Kyi riceve tre sonori schiaffi politici: da Amnesty International, dall'Onu e dal premier della Malaysia. Per il conflitto coi Rohingya

di Emanuele Giordana

Per Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace e de facto premier birmana, quello di ieri è stato forse uno dei suoi giorni peggiori. Ieri infatti le hanno chiuso la porta in faccia  un primo ministro, un Alto commissariato Onu e Amnesty International. Proprio la più famosa organizzazione di difesa dei diritti umani e della libertà di espressione – che per anni ha battagliato per farla uscire dagli arresti domiciliari – ha deciso di revocarle il premio “Ambasciatore della coscienza”, conferitole nel 2009.  Ma un quarto schiaffo è arrivato anche oggi: dal vice presidente americano Mike Pence che le ha detto, a margine del summit internazionale di Singapore, che la sua condotta sulla questione rohingya “non è scusabile”. Pence ha chiesto anche che i due giornalisti della Reuters vengano perdonati.

La decisione di AI è stata presa alla luce – spiega un  comunicato della sezione italiana – “del suo vergognoso tradimento dei valori per i quali una volta si era battuta”. “Come ‘Ambasciatrice della coscienza’ ci aspettavamo da Lei che continuasse a usare la sua autorità morale per prendere posizione contro le ingiustizie ovunque le scorgesse, a iniziare dal Suo paese. Oggi – sostiene il segretario generale di Amnesty Kumi Naidoo – proviamo profondo sconcerto per il fatto che Lei non rappresenti più un simbolo di coraggio, di speranza e di imperitura difesa dei diritti umani. Amnesty International non può più valutare il Suo comportamento come coerente al riconoscimento assegnatole ed è pertanto con grande tristezza che ci accingiamo a revocarlo”. In sostanza Amnesty le rimprovera il fatto che, a metà del suo mandato e otto anni dopo la fine degli arresti domiciliari, la Nobel non abbia usato la sua autorità politica e morale per salvaguardare i diritti umani, la giustizia, l’uguaglianza e la libertà di espressione in Myanmar. Il riferimento ovvio è sia alla questione delle minoranze, tra cui quella musulmana dei Rohingya, espulsi in massa nell’agosto scorso in Bangladesh, sia all’arresto e alla condanna di due reporter locali della Reuters, attirati in una trappola dai militari per impedire loro di divulgare le notizie relative agli eccidi commessi dall’esercito contro i Rohingya.

Nello stesso giorno in cui Amnesty decide di levare il riconoscimento – seguendo una strada già intrapresa da altri ma non ancora dal Comitato dei Nobel – la de facto premier birmana riceve un altro schiaffo politico da un suo omologo nel Sudest asiatico. Si tratta di Mahathir Mohamad, l’inossidabile protagonista della vita politica malaysiana tornato a essere nuovamente primo ministro all’età di 93 anni. Ieri i due si sono visti alla 33esima sessione dell’Asean Summit a Singapore. Mahathir ha scelto quella platea (che riunisce la maggior parte dei Paesi dell’area) per dire come la pensa. Rispondendo a una domanda sulla questione rohingya il vecchio politico malese ha detto che Suu Kyi starebbe “cercando di difendere l’indifendibile”. “In realtà – ha aggiunto – stanno opprimendo questa gente al punto da ammazzarla in uccisioni di massa”. Fu del resto il suo predecessore, Najib Razak, il primo a usare la parola “genocidio”. L’Asean ha una lunga tradizione di “non ingerenza” negli affari interni dei partner ma questa volta sta facendo pressioni perché si faccia luce sulle responsabilità degli eccidi commessi nel Rakhine, il territorio della paura da cui i Rohingya sono stati espulsi ma dove hanno paura di tornare

Che non possano tornare perché non ci sono le condizioni di sicurezza adeguate per un rimpatrio sicuro lo ha detto ieri l’Alto commissario dell’Onu per i diritti umani Michelle Bachelet, che ha chiesto al Bangladesh di sospendere i piani per il rimpatrio di oltre 2.200 rifugiati rohingya: rimpatri che violerebbero il diritto internazionale per i rischi che correrebbero i rimpatriati che infatti temono per la loro incolumità se dovessero ora far ritorno nel Myanmar.

I rifugiati a Cox’s Bazar, in Bangladesh, vittime di stupri, incendi e uccisioni nelle violenze esplose nell’agosto 2017 che hanno portato alla fuga di circa 730mila persone – spesso testimoni del killeraggio di membri delle loro famiglie e della distruzione dei loro villaggi – sono terrorizzati dall’idea di tornare in Myanmar. L’Alto commissario delle Nazioni Unite inoltre ha detto di continuare a ricevere segnalazioni di violazioni dei diritti dei Rohingya rimasti nel Nord del Rakhine, il loro territorio d’origine.

“Circa 130mila sfollati interni (Idp), molti dei quali sono Rohingya, rimangono nei campi del centro del Rakhine. Altri 5mila sfollati interni rimangono nella terra di nessuno tra il Myanmar e il Bangladesh, mentre oltre 4mila si trovano a Sittwe, dove sono soggetti a una vasta gamma di restrizioni. Centinaia di migliaia di persone in altre parti del Rakhine sono private dei loro diritti alla libertà di movimento, all’accesso ai servizi di base e ai mezzi di sostentamento – sostiene Bachelet – così come sono private del loro diritto a una nazionalità “.

Tags:

Ads

You May Also Like

Congo, sicuro come l’oro

di Tommaso Andreatta «Sicuro come l’oro». Avete gioielli in casa? Avete mai pensato alla ...

Affari in Iran

di Andrea Tomasi Nelle scorse settimane è stata annunciata la creazione dell’associazione parlamentare di ...

Giornalismo saharawi, braccio mediatico della resistenza pacifica

di Alice Pistolesi L’informazione come braccio mediatico della resistenza pacifica. Parte da questa convinzione ...