“Sparate a vista”

La Cina ha approvato venerdì scorso  una legge  che per la prima volta consente esplicitamente alla sua guardia costiera di  usare armi da fuoco contro navi straniere

Il principale organo legislativo cinese, il comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, ha approvato venerdì 22 gennaio una legge  che per la prima volta consente esplicitamente alla sua guardia costiera di sparare su navi straniere, una mossa che potrebbe rendere sempre pi’ instabile e pericolosa la situazione nel  Mar Cinese Meridionale, dove sono schierate anche navi da guerra americane e da anni e’ in atto un contenzioso con diversi Paesi rivieraschi.

La legge ha lo scopo di “salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza e i diritti marittimi”, ha fatto sapere  l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua: la legge entrerà in vigore dal 1 febbraio. La decisione legislativa dunque autorizza a “prendere tutte le misure necessarie, compreso l’uso di armi, quando la sovranità nazionale, i diritti sovrani e la giurisdizione vengono violati illegalmente da organizzazioni o individui stranieri in mare”.

(Red/Est)

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Nell’immagine di copertina un Type 052C destroyer della marina cinese. Sopra il suo simbolo

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Etiopia, censurate le braccia a X

di Ilario Pedrini In Etiopia nessuno ha visto e nessuno vedrà le immagini del ...

Incognita Kurdistan iracheno

Le elezioni assegnano la vittoria ai due partiti uscenti. Molte le sfide da affrontare, non ultimi i turbolenti rapporti con Baghdad

Qualcosa si muove nel Kurdistan iracheno, ma è ancora difficile stabilire se la direzione ...

Un’idea americana per una pace afgana (aggiornato)

Mentre talebani ed emissari di Washington stanno per incontrarsi a Doha la stampa di Kabul rivela un piano Usa per il negoziato. Che mette  all'angolo il governo di Ashraf Ghani

Questa volta saranno da soli. Né pachistani, né sauditi, né iraniani, né emiratini ma, ...