Ucraina: 110 giorni di orrore

Quasi 5mila civili uccisi e 50mila soldati morti. La guerra non si ferma. Viaggio a Kiev di Draghi, Sholz e Macron

di Raffaele Crocco

La guerra è solo orrore. In Ucraina come altrove. Superati i 110 giorni dall’invasione russa, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani dice che – ufficialmente – sono almeno 4.481 i civili uccisi. L’inventario è terribile: 1.739 uomini, 1.159 donne, 119 ragazze e 125 ragazzi, oltre a 40 bambini e 1.299 adulti il cui sesso è ancora sconosciuto. La maggior parte è rimasta vittima di bombardamenti, missili e attacchi aerei. Una strage che si somma a quella dei soldati. Quanti? Le stime parlano di un numero complessivo, cioè di entrambi gli eserciti, ormai vicino ai 50mila. Una carneficina, che non ferma la battaglia. L’offensiva russa va avanti. L’esercito di Mosca, dicono gli osservatori, si muove lungo nove differenti direzioni, deciso a chiudere la partita nel Lugansk. Lo sforzo maggiore è su Severodonetsk. I civili hanno lasciato in massa la città. I combattimenti sono attorno alla fabbrica chimica Azot. Lì sarebbero asserragliati i difensori, con qualche migliaio di civili. Le milizie filorusse sarebbero entrate nel perimetro, ma lo scontro è furioso.

Per i russi, comunque, la guerra è tutt’altro che facile o vinta. Per l’intelligence britannica, nel Donbass le truppe russe sarebbero in affanno: “Probabilmente stanno operando gravemente sotto organico – ha dichiarato un funzionario alle agenzie internazionali -. Alcuni gruppi tattici di battaglioni, in genere costituiti da circa 600-800 soldati, sono stati in grado di radunarne appena 30. I soldati si muovono a piedi e l’avanzata è lenta”. Kiev, dal canto suo, annuncia i propri obiettivi militari: liberare tutti i territori occupati dalla Russia, compresa la Crimea. Che si tratti di traguardi realizzabili resta da vedere, ma tant’è: queste sono le condizioni. Ribadite dal presidente ucraino Zelensky, in occasione della visita in Ucraina dei leader di Francia, Italia e Germania. Macron, Draghi e Scholz sono arrivati in treno. Sono andati a Irpin, “dove sono avvenuti omicidi”, ha detto il presidente francese. “Non siamo in guerra contro il popolo russo come collettività – ha aggiunto – noi abbiamo continuato a parlare con Putin, ma abbiamo sempre informato Zelensky. Le modalità della pace non saranno decise che dall’Ucraina e dai suoi rappresentanti. Francia e Germania non negozieranno mai con la Russia alle spalle dell’Ucraina”. Draghi ha aggiunto: “Avete il Mondo dalla vostra parte”.

Cosa non esattamente vera: i russi stanno altrove. Lo conferma un nuovo attacco su Twitter di Dmitry Medvedev. L’Ex presidente russo scrive “I fan europei di rane, salsicce di fegato e spaghetti amano visitare Kiev con zero utilità”. Ancora una serie di offese, ad una settimana dalle pesanti frasi – sempre targate Medvedev – sull’odio nei confronti della cultura occidentale e sul desiderio di vedere i nemici della Russia eliminati. La speranza di tutti è che non sia mai lui a sedersi ad un futuro, eventuale, tavolo per un negoziato di pace.

Nella foto tratta dal sito del Governo italiano, Kiev, Mario Draghi, Emmanuel Macron,  Olaf Scholz col  Presidente della Romania Klaus Iohannis e il  Presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Lo schiaffo del Covid a Bolsonaro

Il primo appuntamento elettorale dopo la vittoria alle presidenziali del 2018 si è rivelata una sostanziale sconfitta personale per il Presidente

La grande illusione afgana

Bilancio di una guerra che dura da quarant'anni. Una raccolta di saggi curata dal direttore editoriale dell'Atlante

La Grande Illusione L’ Afghanistan in guerra da 40 anni Rosenberg&Sellier 2019 a cura ...

Il Rojava e la Pandemia

Nel Nord Est della Siria non c'è un solo letto che possa curare pazienti covid-19 gravi. Come ci si prepara in un'intervista dal terreno

di Alice Pistolesi Il Nord Est della Siria è una delle aree più in ...