Ucraina: la pacifica invasione

L'Atlante delle guerre partecipa alla marcia diretta a Leopoli. 220 partecipanti da oltre 90 associazioni per portare aiuti umanitari e riportare indietro profughi, persone fragili, disabili

di Emanuele Giordana da Budapest

Una colonna lunga un chilometro, con oltre 60 mezzi, per lo più pulmini, carichi di medicine e di “marciatori” per la pace, si snoda lungo l’Europa. La marcia StoptheWarNow, che domani “invaderà” pacificamente Leopoli, è partita stamattina da Gorizia dove si son dati convegno da tutta Italia le diverse sigle – laiche e cattoliche – che hanno aderito all’appello lanciato dall’Associazione Papa Giovanni XXIII: Giampiero Cofano, segretario generale, è il riferimento che ha passato la mattinata a dare indicazioni e dettagli dal Covid alle strade, dalle grane da evitare, ai passaporti.

StoptheWarNow raccoglie decine e decine di adesioni di associazioni, Ong, gruppi di lavoro della società civile, enti, testate, cristiane e laiche senza distinzione: da Archivio Disarmo alla Foicsiv, dall’Arci a Nigrizia (anche l’Atlante delle guerre ha aderito). L’obiettivo è testimoniare concretamente quello che il pontefice predica dall’inizio di un conflitto definito una follia: un messaggio comune anche al mondo laico che dice che non è la guerra il modo di risolvere i problemi. E’ un pensiero che ha una storia importante: dalla prima guerra mondiale al Vietnam, dai Balcani fino alle marce per l’Iraq o l’Afghanistan. Guerre che hanno prodotto dolore e morte ma anche gli anticorpi che hanno dato vita al movimento per la pace.

L’idea della marcia è nata meno di tre settimane fa ma ha raccolto rapidamente oltre un centinaio di adesioni di associazioni della società civile. Ignorata dalla grande stampa e vista con sospetto anche da molti ucraini perché ritenuta inutile se non dannosa e certo non patriottica, la marcia raccoglie oltre 220 persone e avrebbe dovuto essere accompagnata anche da alcuni parlamentari ma poi pare che la Farnesina abbia sconsigliato.

I marciatori passeranno il confine stanotte e domani marceranno per le vie di Leopoli immaginando che la marcia di questo sabato 2 aprile sia solo il pezzo di un percorso. Un percorso in grado di dar fiato alle risorse del dialogo e della diplomazia. I marciatori incontreranno il sindaco di Leopoli e esponenti delle diverse comunità religiose poi faranno ritorno in Polonia caricando che ha chiesto asilo e che verrà accompagnato in Italia. Almeno 300 persone.

Tra gocce nel mare e speranze c’è anche un aspetto concreto: “Porteremo in Italia oltre 300 persone che ci chiedono di lasciare l’Ucraina – spiega Giampiero Cofano –, di queste 180 le raccoglieremo proprio a Leopoli. Tra loro ci sono una trentina con disabilità, anche minorenni. E’ la nostra attenzione alle vittime più fragili”.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Presidenza armata

Donald Trump rassicura i produttori della National Rifle Association: "Con me presidente non avete nulla da temere"

Donald Trump torna a insistere sulla necessità di addestrare e armare gli insegnanti. Lo ...

Gaza, a scuola senza luce

Anche a Gaza, a settembre, la scuola è iniziata, ma con fatica. Dal 2007, ...

Le femministe russe contro l’invasione

L'8 marzo delle donne nella Russia che si oppone al conflitto in Ucraina

In vista dell’8 marzo riprendiamo  questo testo nel quale le femministe russe, che prendono ...