Ucraina, più di 10mila civili morti. Giorno 527. Il punto

A uccidere  sono state le bombe di aereo o artiglieria, i missili, i colpi di fucile russi. 499 di quegli esseri umani erano bambini

di Raffaele Crocco

10.749. E’ il numero dei civili ucraini morti dall’invasione russa. Il giorno 527 di questa fase della guerra ci porta la conferma del dramma. A uccidere quella gente sono state le bombe di aereo o artiglieria, i missili, i colpi di fucile russi. 499 di quegli esseri umani erano bambini. Tutte e tutti erano disarmati. Tutte e tutti non volevano morire. Tutte e tutti non stavano combattendo. E’ il crimine che si chiama guerra. Crimine che prosegue. Mosca è stata ancora attaccata, la guerra è arrivata in Russia. Lo ha detto il sindaco, Sergei Sobyanin. Dal ministero della Difesa è invece filtrata la notizia di due aerei ucraini senza pilota abbattuti nei distretti di Odintsovo e Narofominsk. L’aeroporto moscovita di Vnukovo è stato temporaneamente chiuso, i voli sono stati dirottati su altri scali.

C’è stata la risposta del Cremlino, ovvio, con i bombardamenti a Odessa, Kiev, a Kryvyi Rih, la città d’origine del Presidente ucraino Zelensky. Nel primo attacco sono morte almeno 4 persone e 17 sono state ferite, nella sola regione di Kherson. Andriy Yermak, capo dell’ufficio del presidente Zelensky, ha immediatamente lanciato un tweet di sfida: “I russi – ha scritto – non possono vincere sul campo di battaglia, quindi terrorizzano e uccidono. Gli ucraini non si spezzeranno mai. La Russia, sì”.

La guerra prosegue, durissima. Il numero delle perdite militari resta misterioso. Le stime parlano di circa 300mila perdite totali, nei due eserciti, ma la realtà è che nessuno riesce ad avere stime esatte. Così come nessuno sa davvero quale sia la situazione sul campo. L’offensiva ucraina pare proseguire con risultati lenti, incerti e non definitivi. Le forze armate di Kiev non nono riuscite a sfondare il sistema difensivo russo, se non in pochi settori del fronte e con avanzate in profondità molto ridotte. Gli esperti dicono che non si tratta di un fallimento, perché le unità di combattimento di Kiev mantengono una significativa capacità operativa. L’ambizione di una vittoria, però, è stata definitivamente archiviata.

Intanto, l’intelligence britannica dice che la Russia ha probabilmente iniziato a costituire nuove importanti formazioni per aggiungere spessore alle sue forze di terra. “Dalla sua invasione dell’Ucraina – scrivono gli analisti inglesi – la Russia ha schierato principalmente riservisti mobilitati per riempire le formazioni esistenti o come parte di reggimenti di fanteria per la difesa territoriale. Raramente ha istituito nuove organizzazioni dotate di tutte le armi, come gli eserciti combinati, progettati per essere una forza autosufficiente”.

Così, secondo il ministero della Difesa di Londra, “la Russia probabilmente schiererà qualsiasi nuova formazione come forza di riserva in Ucraina. Tuttavia, a lungo termine, la Russia aspira a rafforzare le sue forze di fronte alla Nato. Senza una nuova grande ondata di mobilitazione obbligatoria, è improbabile che la Russia trovi abbastanza nuove truppe per fornire risorse anche a un nuovo esercito”.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Presidente incaricato Mario Draghi: “Istituisca un Ministero della Pace”

Il Presidente della Comunità APGXIII scrive a Draghi, chiedendo di mettere nel  "governo una sostanziale attenzione alla Pace, attraverso l’istituzione del Ministero della Pace». La lettera aperta integrale.

Il viaggio senza fine delle guerre

Afghanistan, Gaza, Mali, Corea del Nord, Arabia Saudita-Yemen, Palestina. Gli ultimi aggiornamenti sui conflitti,  l’unica attività umana che non si è fermata

Virus o non virus, la guerra sembra l’unica attività umana a non fermarsi. Ce ...

Via libera alle missioni italiane

Con la risoluzione approvata dal Senato si confermano gli impegni all'estero, Libia compresa

E’ stata approvata dal Senato italiano la risoluzione della maggioranza sulle missioni militari all’estero ...