Colombia: la Commissione per la verità chiede tempo

Gli scheletri nell'armadio di Uribe e il ruolo della Chiesa cattolica

La Corte Costituzionale della Colombia sta esaminando una causa per estendere oltre il 28 novembre il termine della Commissione della Verità, creata dall’accordo di pace firmato tra il governo e le Farc – Forze armate rivoluzionarie di Colombia- il 29 novembre del 2018.  Il compito è quello, colossale, di produrre un rapporto che  ontribuisca a far luce su quanto accaduto nel conflitto armato del paese, che ha lasciato più di otto milioni di vittime. Il periodo previsto era di tre anni, ma la crisi determinata dal Covid-19 ha impedito alla Commissione di muoversi per il Paese, e secondo quanto calcolato, avrebbe potuto svolgere le sue indagini solo per il 40 per cento del tempo previsto.

Francisco de Roux,  il presidente della Commissione, sacerdote gesuita, economista, filosofo, aveva incontrato nei giorni precedenti Alvaro Uribe, l’ex presidente che aveva avviato  gli accordi di pace firmati all’Avana tre anni fa. Ma Uribe non ha mai accettato la legittimità della Commissione, che tra l’altro ha fatto emergere la vicenda dei “falsi positivi”, civili uccisi dalle forze paramiliari delle Auc, Autodefensas unidas de Colombia, e poi fatti passare per guerriglieri caduti in battaglia. Proprio nel periodo delle sue due presidenze.

Anche se Uribe ha cercato di sganciarsi dai suoi legami con le Auc, ha dovuto riconoscere di aver incontrato “tre o quattro volte” Salvatore Mancuso, il capo delle formazioni paramiltari. E il suo desiderio di evitare ulteriori rivelazioni spiega la reticenza a prorogare il lavoro della commissione. Posizione sostenuta anche dall’attuale presidente  Ivan Duque, che sta rifiutando di prorogare e finanziare questa proroga. Ma il compito di de Roux è facilitato dall’indirizzo nuovo imposto da Papa Francesco alla politica della Chiesa cattolica e dall’attenzione internazionale che ora si è accesa sul processo di pace.

Alison Milton, ambasciatrice dell’Irlanda in Colombia, ha promesso di sollevare il tema al Consiglio di sicurezza dell’Onu, di cui l’Irlanda fa parte, nella prossima udienza di settembre. Ha dichiarato l’ambasciatrice: “L’accertamento della verità è una delle principali condizioni per una pace stabile e duratura. Questa richiesta della Commissione per la verità sarà in grado di dare risposte definitive a molti colombiani”.

La Commissione è composta da 11 membri e fa parte del Sistema Comprensivo per la Pace, che comprende anche l’Unità per la Ricerca delle Persone Scomparse, e la Giurisdizione Speciale per la Pace (Jep), tutte entità create in rispetto degli accordi dell’Avana. 

(red/Ma/Sa)

Tags:

Ads

You May Also Like

“Peccato mortale sfruttare il lavoro”

di Emanuele Giordana Il Papa incontra i giovani studenti delle “Scuole per la pace” ...

Iran/ Il virus non ferma le sanzioni

Sempre più in difficoltà Teheran chiede aiuto al Fondo monetario. L’Europa tende la mano ma Washington tiene duro. Con qualche autorevolissima eccezione in campo democratico

Con oltre 3mila morti e 50mila casi certificati l’Iran è uno dei Paesi mediorientali ...

La catastrofe di Idlib

I raid di Mosca, Damasco e Ankara non si fermano mentre a rimetterci sono i civili. Bombe sulle scuole e migliaia di sfollati

A Idlib è in corso una catastrofe umanitaria a causa degli scontri armati nella ...