Foreste: il polmone ferito e “querido”

Diritti delle popolazioni indigene minacciate e tutela della biodiversità in Amazzonia

di Alessandro Graziadei

Il monte Roraima è il più famoso dei numerosi “tepuis” che costellano la regione amazzonica della Gran Sabana. Si estende su tre stati: Venezuela, Brasile e Guyana, i confini dei quali si incontrano proprio sulla sua sommità. Un luogo incredibile che ho conosciuto per caso, una decina di anni fa, al Festival del Cinema di Montagna a Trento grazie alla pellicola di Philipp Manderla “Roraima – Climbing in the Lost World” che racconta, dopo un rito sciamanico di buon auspicio a base di misture allucinogene, l’avvicinamento e la salita ai 2.700 metri del Monte Roraima di Kurt Albert, Holger Heuber e il campione d’arrampicata sportiva Stefan Glowacz. Questo altopiano di roccia situato nel cuore della giungla più selvaggia, sacro ed inviolabile per molti indigeni locali, con pareti vertiginose e cascate d’acqua spettacolari, spesso avvolto in una coltre di nebbia impenetrabile tra piogge torrenziali, insetti di ogni ordine e temperature che raggiungono i 40 gradi, sembra uscito da un immaginario preistorico.

Eppure ai piedi di questa montagna vivono da sempre popoli indigeni e all’interno del confine brasiliano, se fino agli anni Ottanta c’erano solo foreste e fiumi e un commissario inviato dal Governo federale di Brasilia, ora c’è uno degli Stati federali di frontiera del Brasile che affronta sfide sociali enormi, come l’emigrazione dal Venezuela, la mentalità “produttivista” dei grandi coltivatori e allevatori dal Sud del Brasile in cerca di terre vergini da sfruttare e il “garimpo”, cioè la ricerca di oro sui fiumi utilizzando il mercurio che inquina e fa morire i pesci, elemento base nella catena alimentare degli indigeni. Tutte situazioni che si scontrano quotidianamente con i diritti e la cultura indigena di preservazione della foresta con il suo habitat, che è la loro comune casa. Una sfida, quella dei diritti delle popolazioni indigene minacciate e della tutela della biodiversità di quest’area di Amazzonia che è stata abbracciata anche dalla Chiesa…. Leggi tutto su Unimondo

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Morti bianche nella città rossa

A Sihanoukville, in Cambogia, collassa un edificio in costruzione di sette piani e fa strage. Il segno di una guerra continua dove le vittime sono i cambogiani e le responsabilità condivise tra governo e imprenditori stranieri

di Emanuele Giordana E’ la città del “principe rosso” cambogiano Norordom Sihanouk quella che ...

La guerra dei missili

Gli Usa minacciano di escludere la Turchia dall’accordo sui caccia F-35 se Ankara comprerà armi da Mosca. Tensione anche per gli acquisti indiani dello stesso sistema missilistico russo sotto accusa da Washington

di Maurizio Sacchi Entro luglio l’S-400, sistema missilistico russo terra-aria, sarà in dotazione alle ...

Palestina: si mobilitano i detenuti

Ulteriori misure restrittive al sistema carcerario israeliano mentre anche gli Usa intervengono nel dibattito sui pagamenti alle famiglie dei prigionieri

Uno stato di mobilitazione generale per protestare contro una nuova serie di misure restrittive ...