In arrivo la nuova edizione dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo

di Raffaele Crocco

Sono dodici edizioni in 15 anni: c’è di che essere soddisfatti. La dodicesima edizione dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo è ormai pronta, stampata e dal 7 febbraio sarà nelle librerie. Per ora, chi vuole, la può comunque comperare on line, anche dal nostro sito.

Dicevo, c’è di che essere soddisfatti. Anche in questa edizione, il lavoro della redazione è stato straordinario. E straordinario è stato anche il supporto delle tante organizzazioni che collaborano alla redazione dei testi: Intersos, Unhcr, Amnesty International, CdCa, e Agency for Peacbuilding. Vale, quindi, la pena raccontare quali temi caratterizzano questo XII Atlante.

In piena crisi militare ancora in Ucraina e nuovamente in Palestina e nel Vicino Oriente, nel mezzo di un cambiamento forte nell’Africa subsahariana, con il nuovo nazionalismo africano che di golpe in golpe conquista la scena, era inevitabile che il focus fosse, in questa edizione, sui nuovi equilibri mondiali. La geografia del potere sta cambiando, i Paesi del Brics sono sempre più impegnati – a dispetto delle loro contraddizioni – a spodestare gli Stati Uniti e i loro alleati, rivoluzionando il commercio mondiale e il controllo dei traffici mercantili. È uno dei temi che abbiamo voluto approfondire.

Non manca, poi, l’analisi sullo stato dell’arte nelle politiche per arrestare il cambiamento climatico e una ipotesi sulla “geografia dei diritti”, come strumento per analizzare quel che accade nel Pianeta. Ci sono, naturalmente, le ormai tradizionali schede Paese – come sempre aggiornate -, le infografiche e i Tentativi di Pace raccontati dai ragazzi del professor Giovanni Scotto, dell’Università di Firenze.

Infine, c’è il tentativo di tenere alta la guardia e l’attenzione sul pericolo del dopoguerra, con il suo carico di morte che rimane sul terreno sotto forma di ordigni esplosivi. Quest’ultimo tema, che trattiamo grazie al lavoro dell’Osservatorio – Centro ricerche sulle Vittime Civili dei Conflitti e al supporto dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (Ancvg), è fra i più delicati. La guerra va oltre la guerra, non termina con il silenzio delle armi o la pace. Lo confermano i dati sugli effetti delle bombe inesplose nel Mondo.

È, per quanto ci riguarda, un’altra delle ragioni che ci fanno dire no alla guerra. L’Atlante vuole essere uno strumento di conoscenza utile per capire come le guerre possano, sempre, essere fermate. Un’informazione è l’elemento essenziale per riuscirci. Può fornire i dati, tracciare le storie, scoprire cause e motivazioni. Insomma, può dotarci degli strumenti necessari per fare quella “prevenzione alla guerra” indispensabile per migliorare il Mondo. E se c’è chi pensa tutto questo sia utopia, beh: si sbaglia. È solo intelligenza.

Nella foto in copertina, la dodicesima edizione dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa/Russia. Il gelo della nuova Guerra Fredda

Domani via web colloquio tra Biden e Putin. E' l'Ucraina il fragile confine dell'ennesmo conflitto Est-Ovest

di Raffaele Crocco Martedì si parleranno in videoconferenza. Biden e Putin si incontreranno nel ...

Tigrai, dopo la guerra la fame

Oltre 5 milioni di tigrini ha bisogno di aiuti alimentari di emergenza

In Venezuela la commedia degli errori

di Raffaele Crocco È la commedia degli errori. Sbagliano tutti in Venezuela. Sbagliano e ...