Addio a Pino Scaccia

Il Covid19 si è portato via il il cronista che per anni ha raccontato guerre, malavita, ingiustizie anche per il nostro Atlante. Il ricordo di Raffaele Crocco

Se l’è portato via il Covid19 qualche ora fa e il primo pensiero è che è una cosa ingiusta. Pino Scaccia è morto e questo vuol dire un altro vuoto che si crea nel mondo dell’informazione in Italia. E’ morto alle 13.00 di oggi, 28 ottobre 2020, in ospedale. Il virus lo ha ucciso. E’ stato inviato per la Rai, in radio e sullo schermo. Ha raccontato guerre, malavita, ingiustizie. Era bravo, preciso, appassionato. Negli anni scorsi ha collaborato anche con noi dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo. Ci aveva regalato la sua competenza, la passione, la voglia di esserci in un progetto pazzo come questo. Ora, è altrove o in nessun luogo, ognuno la pensi come vuole, ognuno lo immagini dove crede. L’unica cosa certa, che accomuna tutti noi che lo abbiamo conosciuto, è che ci mancherà.

Raffaele Crocco
Direttore dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo

Tags:

Ads

You May Also Like

Australia, risarcimento milionario ai migranti

di Tommaso Andreatta La Corte Suprema dello stato australiano di Victoria ha ratificato un ...

Un Atlante sull’uranio

Appoggiamo  la campagna di crowfunding lanciata in questi giorni da Multimage per pubblicare in italiano una guida per capire la diffusione di un'arma micidiale per nulla desueta

La nave civile di ResQ è più concreta

Successo per la maratona di interventi realizzati da personaggi della società civile: 50mila gli spettatori, almeno 156mila euro raccolti, più di 1000 le donazioni