Algeri, la “svolta” non convince

Eletto al primo turno l'ex premier Abdelmadjid Tebboune ma la piazza dice no
Tebboune, classe 1845. Non convince

Non convincono le promesse di una svolta del neo presidente algerino Abdelmadjid Tebboune. Le elezioni di giovedi, che hanno registrato un’affluenza del 29,9%, lo hanno visto eleggere il 13 dicembre al primo turno col 58,15 dei consensi ma la vittoria non è piaciuta al movimento popolare in piazza da mesi che ha risposto ieri con nuove manifestazioni e che lo percepisce comunque come un uomo dei vecchi circoli di potere. Per il movimento spontaneo Hirak le elezioni sono state semplicemente “una farsa”.

Una “marea umana”, come l’ha definita il francese Le Monde, è scesa in piazza per contestare i risultati elettorali ad Algeri e in altre città del Paese come ormai in ogni venerdi da mesi a questa parte. Decine gli arresti ma il movimento non molla e si sente tradito nelle sue aspettative.

Il capo dello stato appena eletto, ha teso la mano al movimento di protesta Hirak, cui si deve l’estromissione dell’ex presidente Bouteflika che cercava una quinta rielezione. “Sono pronto a un dialogo diretto con il movimento di protesta, con i suoi rappresentanti – ha detto –  per chiarire molti punti oscuri, restaurando così un clima di fiduci e, di buona volontà. Dio è il nostro testimone per la costruzione di una nuova Algeria”.

Abdelmadjide Tebboune ha infatti promesso una riforma costituzionale che sarà poi sottoposta alla volontà popolare. Egli stesso emanazione del ristretto circolo del potere algerino, il nuovo capo dello Stato, ha tagliato le sue relazioni con la famiglia dell’ex presidente Bouteflika qualche tempo fa e venne  congedato dopo soli tre mesi dal ruolo di primo ministro. Alla piazza però non basta.

In copertina il presidente da un video di NewsCgtn

Il video di Euronews e il discorso di Abdelmadjid Tebboune

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa/Onu: cambia la musica

Chi e' Linda Thomas Greenfield la nuova Ambasciatrice americana a Palazzo di Vetro

Fontana e la verità che fa male

di Raffaele Crocco* Fontana, candidato alla presidenza della Regione Lombardia, dovremmo ringraziarlo. È l’uomo ...

Il tempio della discordia

Thailandia e Cambogia si sono sempre disputate le terre che circondano le rovine khmer di Prasat Preah Vihear, un luogo sacro sul confine. Oggi non si spara più ma la tensione tra i due regni asiatici non è risolta. Reportage da un nodo irrisolto

Dall’inviato Emanuele Giordana   Preah Vihear (Cambogia) – Raggiungere il tempio khmer di Prasat Preah ...