Armi atomiche, il trattato che le mette al bando

Dal 7 luglio il mondo ha messo al bando qualsiasi tipo di arma atomica.

L’assemblea generale Onu ha infatti approvato il trattato per il disarmo nucleare con 122 voti a favore, un contrario e un astenuto.

La missione del trattato si trova all’articolo 1 nel quale si vieta di “Sviluppare, testare, produrre, oppure acquisire, possedere o possedere riserve di armi nucleari o altri dispositivi esplosivi nucleari”. Ma anche  “trasferire o ricevere il trasferimento, consentire la dislocazione, incoraggiare, indurre, assistere, ricercare”.

Chiunque detenesse questo tipo di armi, dalla date del trattato deve fare in modo di “rimuoverle dallo stato operativo e distruggerle non appena possibile”.

Il trattato fa poi riferimento all’assistenza alle vittime, alla bonifica ambientale e alla cooperazione e assistenza internazionale per l’applicazione del trattato.

Controverso e dibattuto in sede Onu l’articolo 17 del trattato. Il testo infatti recita: “Ciascuno Stato Parte, nell’esercizio della propria sovranità nazionale, ha il diritto di ritirarsi da questo Trattato se decide che eventi straordinari legati all’oggetto del trattato abbiano compromesso gli interessi supremi del suo paese”. Non è chiaro quali possano essere gli ‘interessi supremi’ tali da giustificare l’uso dell’atomica.

Grandi assenti al dibattito a New York i paesi dell’Alleanza Nato, non presenti al vertice ad eccezione dei Paesi Bassi.

Scontata l’opposizione delle potenze nucleari, le cinque riconosciute dal Trattato di non proliferazione del 1968 (Usa, Russia, Francia, Gran Bretagna e Cina) e le quattro non ufficiali (India, Pakistan, Israele e Corea del Nord).

Il bando entrerà in vigore entro 90 giorni dal momento in cui verrà ratificato da almeno 50 Paesi. L’Italia era assente alla conferenza. La rete del Disarmo dalle pagine di Avvenire ha annunciato una estate di mobilitazione per ottenere l’adesione italiana. Le firme di adesione inizieranno ad essere raccolte il 20 settembre.

Tags:

Ads

You May Also Like

Rdc: in fuga dal conflitto

Torna la violenza nell'Ituri tra le comunità Hema e Lendu, mentre nel Nord Kivu l'esercito attacca il gruppo Adf

Due attacchi nelle Regioni Orientali della Repubblica Democratica del Congo hanno provocato decine di ...

Cina/Usa, sale la tensione

Dopo che il Canada ha accolto la richiesta americana di estradizione per Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei, azienda e governo cinese contrattaccano. Mentre si addensano nubi sul vertice con Trump per le tariffe commerciali

di Maurizio Sacchi Anche nella “guerra commerciale” tra Usa e Rpc il nuovo stile ...

Siria e Mediterraneo, dopo il raid

Bombe, aerei da combattimento, droni. Tutto è pronto, dopo il raid aereo della notte tra venerdi e sabato, per un'eventuale escalation. Ecco quali basi militari possono essere utilizzate nel Mediterraneo. L'analisi del professor Antonino Alì, docente di diritto internazionale

di Andrea Tomasi L’uso delle armi chimiche, che hanno causato la morte di civili, ...