Usa-Turchia, la diplomazia degli F-16

Ankara vuole nuovi caccia per la sua aviazione militare e Washington è disposta a venderli. A patto che...
F-16 turchia wiki

Fare pace con caccia F-16 e il riarmo di un regime che mostra sempre più i muscoli. E’ questo il nodo del viaggio del capo della diplomazia di Ankara negli Stati Uniti. Al centro dei colloqui tra il Segretario di Stato Antony Blinken e il suo omologo Mevlut Cavusoglu a Washington c’è infatti molta carne al fuoco e un accordo da 20 miliardi per la vendita di caccia F-16: oltre all’opposizione di Ankara all’ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia (cui la Turchia chiede in cambio l’estradizione di oppositori politici curdi), ci sono le relazioni con Mosca e le ingerenze in Siria. Il punto di svolta potrebbe essere proprio la vendita di caccia F-16, cosa che Ankara chiede con insistenza per risettare la sua aviazione militare.

La Turchia ha chiesto nell’ottobre dell’anno scorso di acquistare 40 jet F-16 e 79 kit di modernizzazione per i suoi vecchi caccia, un accordo del valore di 20 miliardi di dollari che la Difesa americana deve far digerire al Congresso dove diversi parlamentari si oppongono a un riarmo della Turchia, temendone tra l’altro gli effetti in Siria. Ankara ha scelto di avere nella sua flotta aerea  più F-16 da quando è stata rimossa dal programma F-35 Joint Strike Fighter nel 2019. Le è stato anche impedito di acquistare uno qualsiasi dei jet dopo aver ricevuto da Mosca i sistemi missilistici di difesa aerea S-400. La Turchia dal canto suo aveva in programma di acquistare fino a 100 F-35 per rafforzare la sua forza aerea militare.

Se vincere le resistenze del Congresso americano sul riarmo turco non è l’unico ostacolo, la vendita dei caccia alla Turchia avrebbe in realtà anche lo scopo di favorire un’altra vendita che andrebbe così a bilanciare il nuovo riarmo turco: L’Amministrazione Biden spera infatti di ottenere l’approvazione del Congresso per vendere anche dei caccia stealth F-35 Lightning II di quinta generazione alla Grecia. Bilanciandoli con la vendita degli F-16 tutti i tasselli dunque tornerebbero al loro posto. Una decisione sulla quale Ankara sarebbe costretta infatti  a far buon viso a cattivo gioco in attesa che si sblocchi anche per lei la partita F-35.

(Red/Est)

In copertina un F-16DJ  Tiger Squadron. Nel testo, un F-35

Tags:

Ads

You May Also Like

Pace vs guerra: tre punti fermi

C'è un aggressore e c'è un aggredito. Quel che dobbiamo e possiamo fare per far tacere le armi

di Raffaele Crocco Mentre le bombe cadono ancora sulla gente d’Ucraina, tornare a parlare ...

Haiti nel caos

Scontri e vittime nella capitale Port-au-Prince dove si protesta contro la corruzione e per le dimissioni del Presidente Jovenel Moise

Haiti è nel caos. Da giorni migliaia di persone stanno manifestando per le strade ...

Myanmar, tentativi di pace

La Conferenza di Panglong affronta i temi della nuova forma di uno Stato onnicomprensivo in un Paese ancora attraversato da conflitti

Di Emanuele Giordana A Naypyidaw è iniziata il 19 agosto la quarta sessione della ...