Armi: chi vende di più

Il rapporto Sipri 2020: Usa e Francia in testa ma anche l'Italia continua a fare la sua parte. Un appello di Francesco Pugliese: "Tagliare subito la spesa in armi"

I trasferimenti internazionali di armi principali nel quinquennio 2015-2019 sono aumentati del 5,5 per cento rispetto al 2010-2014. Secondo i nuovi dati dell’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (Sipri), i maggiori esportatori di armi negli ultimi cinque anni sono stati gli Stati Uniti, la Russia, la Francia, la Germania e la Cina. I nuovi dati mostrano che il flusso di armi verso il Medio Oriente è aumentato, con l’Arabia Saudita come maggior importatore. L’India è il secondo maggior importatore.

Tra il 2010-2014 e il 2015-2019, le esportazioni di armi di grandi dimensioni dagli USA – dice il Sipri – sono cresciute del 23%, portando la sua quota delle esportazioni globali di armi al 36%. Nel 2015-2019 le esportazioni totali di armi negli Stati Uniti sono state del 76% superiori a quelle del secondo maggiore esportatore di armi al mondo, la Russia. Le principali armi trasferite dagli Stati Uniti sono andate in totale a 96 paesi. La metà delle esportazioni di armi degli Stati Uniti negli ultimi cinque anni è andata in Medio Oriente e la metà di queste è andata in Arabia Saudita.

Quanto alle esportazioni di armi francesi, hanno raggiunto il livello più alto in tutti i periodi di cinque anni dal 1990 e hanno rappresentato il 7,9% del totale esportazioni globali di armi nel periodo 2015-2019, con un aumento del 72% rispetto al periodo 2010-2014. “L’industria francese delle armi ha beneficiato della domanda di armi in Egitto, Qatar e India”, spiega Diego Lopes Da Silva, ricercatore SIPRI.

L’Italia? Per il Sipri, l’Italia nel 2018 avrebbe esportato per 555 milioni di dollari una cifra contestata da Giorgio Beretta, analista del commercio internazionale e nazionale di sistemi militari e di armi. La Relazione che ogni anno viene istituzionalmente prodotta sulle operazioni a licenza – spiega infatti Beretta in una nota –  riporta infatti (vedi a fianco) un valore ben più alto di oltre 2,2 miliardi di euro.

 

“In questo momento come mai è giusto e doveroso – è scritto nell’appello TAGLIARE SUBITO LE SPESE PER LE ARMI promosso da Francesco Pugliese*  – chiedere al nostro Governo di tagliare subito le spese per armamenti e destinare quanto risparmiato ai bisogni della sanità e a quelli di chi dovesse perdere il lavoro. Si tratta di somme ingenti. E molto cresciute in questi ultimi anni mentre si tagliavano le spese per la sanità. Nel 2018 la spesa militare italiana è stata di 25 miliardi di euro, pari all’1,45 del Pil, in aumento rispetto al 2017 del 4%. Quella destinata ai soli armamenti nel 2018 è stata di 5,7 miliardi, aumentata di ben l’88% nelle ultime tre legislature”.

*Docente e pubblicista, si occupa di ambientalismo e storia dei movimenti pacifisti e di opposizione popolare alla guerra.

Red/Est

La foto di copertina è di Ryan (Unsplash)

Tags:

Ads

You May Also Like

I cento giorni della guerra in Ucraina

Il conflitto tra Mosca e Kiev  sta scivolando sul Mondo: un rumore di fondo a dispetto della tragedia vissuta dalle persone

di Raffaele Crocco Sono 100 giorni più o meno. La guerra fra Russia e ...

Iran: la stretta della polizia morale

Gli agenti sono tornati nelle strade per far rispettare le regole dell'hijab. Alcuni episodi di repressione e un punto sulla protesta

di Alice Pistolesi La polizia morale è tornata, in massa, per le strade dell’Iran. ...

Un camper nei conflitti: European Media Freedom Act

L'appuntamento settimanale col podcast di InPrimis, Unimondo, atlanteguerre

Un camper nei conflitti è un podcast settimanale realizzato con una collaborazione di Associazione culturale inPrimis, Atlante ...