Armi e digitale italiano in Myanmar. Atlante fa squadra

Con Italia-Birmania, Rete Pace Disarmo, Amnesty Italia e Opal partecipiamo a un gruppo di lavoro che cerca di vederci chiaro sull'esportazione di materiali usati dalla giunta birmana nella repressione delle proteste. Un impegno civile accanto alle vittime del golpe di febbraio

Stiamo partecipando a un gruppo di lavoro per far luce su un tassello di quanto avviene in Myanmar che ci rigurda come europei e come italiani. Con  Italia-BirmaniaRete Pace Disarmo, Amnesty Italia, Opal, dopo che ricercatori e giornalisti birmani hanno scovato a Yangon una cartuccia con la sigla di una ditta di Livorno, abbiamo creato un gruppo di lavoro cui abbiamo aderito per passione e dovere civile e professionale. Il nostro contributo come giornalisti (della squadra di Atlante fanno parte Emanuele Giordana e Alice Pistolesi della redazione accanto al nostro collaboratore Alessandro De Pascale) e’ quello di fornire elementi di inchiesta che possano far luce su diversi episodi che coinvolgono armi italiane ma anche altri strumenti – ora nelle mani della giunta – che possono aiutare i generali nella repressione delle legittime proteste birmane. Ciò non significa attaccare la singola azienda o lo Stato italiano – entrambi potenziali vittime di sporche triangolazioni o di un uso improprio di strumenti legali – ma aiutare a far luce su un sistema imperfetto che consente l’esportazione di materiale apparentemente non bellico. Il nostro e’ un ruolo di portatori d’acqua al lavoro di associazioni e gruppi ben più strutturati di noi e specializzati nei diversi campi  (e che tra l’altro sono a diverso titolo nostri partner da tempo). Ma riteniamo che il  nostro lavoro di inchiesta possa contribuire ad aggiungere un mattone alla ricerca della verità’.

Nella foto di copertina, un’immagine raccolta da Irrawaddy, il magazine birmano online che per primo ha scovato le cartucce made in Italy

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Gli articoli sull’argomento si possono leggere qui, qui e qui

Gli articoli pubblicati su Atlante che riguardano il golpe si possono leggere qui

Vai alla scheda conflitto uscita sull’ultimo numero dell’Atlante cartaceo (ante golpe)

 

 

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Accordo a Khartum

Dichiarazione congiunta in Sudan tra militari e civili per la transizione

Il generale Mohamed Hamdan Dagalo, vice capo del Consiglio militare di transizione (TMC), e ...

Siria e Mediterraneo, dopo il raid

Bombe, aerei da combattimento, droni. Tutto è pronto, dopo il raid aereo della notte tra venerdi e sabato, per un'eventuale escalation. Ecco quali basi militari possono essere utilizzate nel Mediterraneo. L'analisi del professor Antonino Alì, docente di diritto internazionale

di Andrea Tomasi L’uso delle armi chimiche, che hanno causato la morte di civili, ...

Afrin sotto assedio, una voce curda

Di Alice Pistolesi Una città assediata, migliaia di persone in trappola. Afrin, al confine ...