Armi nucleari, parte il negoziato in casa Onu

E’ stata votata dal primo comitato dell’Assemblea generale dell’Onu che si occupa di disarmo e questioni di sicurezza internazionale una risoluzione che dà ufficialmente il via ai negoziati per un Trattato internazionale volto a vietare le armi nucleari.

La votazione è arrivata il 27 ottobre e ha visto 123 paesi schierati per il sì e 38 per il no. Tra quest’ultimi troviamo l’Italia.

La Campagna Internazionale per l’abolizione delle armi nucleari (ICAN), coalizione mondiale della società civile attiva in cento Paesi che coinvolge anche la Rete Italiana per il Disarmo è parte, ha definito questa votazione un importante passo in avanti.

57 Stati nazioni sono state co-sponsor, ovvero prime firmatarie del testo proposto, con Austria, Brasile, Irlanda, Messico, Nigeria e Sud Africa che avranno il compito di redigere la Risoluzione.

Il voto delle Nazioni Unite è arrivato dopo l’adozione da parte del Parlamento Europeo di una propria risoluzione su questo tema: 415 voti favorevoli (con 124 contro e 74 astensioni) ed un invito verso tutti gli Stati membri dell’Unione europea a “partecipare in modo costruttivo” ai negoziati del prossimo anno.

Ad oggi le armi nucleari sono le uniche armi di distruzione di massa non ancora fuori legge, dal momento che esistono solo dei divieti parziali. Le armi biologiche, armi chimiche, mine antiuomo e bombe a grappolo sono invece esplicitamente proibite dal diritto internazionale.

In questo contesto in qualche stato deve essere ancora ratificato il precedente strumento multilaterale di disarmo nucleare: il Comprehensive Nuclear-test Ban Treaty, discusso nel 1996.

Fonti:

http://www.disarmo.org/rete/a/43719.html

http://www.greenreport.it/news/energia/trattato-messa-al-bando-delle-armi-nucleari-si-allonu-123-paesi-litalia-vota-no/

 

Tags:

Ads

You May Also Like

L’importanza di chiamarsi Macedonia

Analisi del referendum consultivo che chiedeva di esprimersi in merito all’accordo con la Grecia sulla  ridenominazione dello Stato. Meno del 50% degli aventi diritto  si è recato alle urne. E il risultato ora complica le cose

di Elia Gerola. Domenica 30 settembre 2018 si è tenuto nella ex Repubblica jugoslava ...

La memoria di Leningrado

«Memorie di un assedio» di Lidija Ginzburg - appena uscito per Guerini - offre al lettore la testimonianza sui 900 giorni dell’assedio della città sovietica. Non solo un diario ma una riflessione filosofica sul comportamento dell’individuo costretto a misurarsi con una condizione estrema: la guerra.

di  Francesca Gori*  Si deve unicamente alla sua longevità se Lidija Ginzburg ha potuto ...

Quei ragazzi all’ombra del contagio

Storia di 60 chokorà, ragazzi “spazzatura” che si nascondono nei ghetti tra ponti e fognature a Nairobi

di Anna Gasparini e Gabriele Galli* Nei Paesi europei le regole che hanno definito ...