Berlusconi e l’esercizio della memoria

Il dovere di ricordare cosa quest'uomo ha significato per l'Italia e il resto del Mondo

di Raffaele Crocco

Ora cominceremo a dimenticare. Cominceremo a dimenticare come trattava le donne, con i bunga bunga, i condomini-harem per averle a disposizione, le barzellette spinte, le nipoti minorenni di Mubarak. Cominceremo a dimenticare le mazzette pagate alla mafia per essere tranquillo, le tangenti pagate per fare affari, le evasioni fiscali, i falsi in bilancio depenalizzati. Dimenticheremo le leggi fatte approvare per coprire i buchi aziendali, per aiutare gli affari, per evitare i processi, per favorire gli amici. Non ricorderemo il malgoverno, l’incapacità di pensare allo Stato come “luogo comune” e non come “proprietà privata”, i fascisti resi presentabili, le violenze del G8. Scorderemo il sistematico smantellamento della cultura, del senso di comunità, la paziente costruzione – tramite tv, radio e giornali – di una cultura individuale e individualista, centrata sula menzogna del “chiunque può tutto”.

Soprattutto, però, fingeremo di non sapere che Silvio Berlusconi, monarca d’Italia per quasi 40anni – ben prima di scendere in campo” nel 1994 – è stato l’esatto specchio di ciò che siamo noi italiani. E’ stato l’uomo che ha incarnato ciò che davvero i cittadini di questo Paese vogliono essere. E’ stato il macho che possiede donne, soldi e potere, con buona pace delle donne che si ribellano.. E’ stato l’uomo al di sopra delle leggi. E’ stato l’evasore fiscale che la fa franca. E’ stato il furbo che sa sfruttare le occasioni in barba e alla faccia di chiunque altro. E’ stato l’opportunista che ha saputo vincere per sé stesso.

Berlusconi è stato un effetto, non è mai stato la causa dei mali dell’Italia. Esattamente come per il fascismo, Berlusconi lo abbiamo nella nostra pancia, nella nostra testa, nel nostro cuore. Ce lo portiamo dentro, trasformato nel vessillo “dell’essere italiani”. Morto lui, resteremo in attesa di un altro “messia”, capace di farci sentire bene con le nostre contraddizioni e i nostri errori. Per quasi 40 anni, Berlusconi ha sgravato ognuno di noi da responsabilità e problemi. Per questo, nonostante mafia, condanne penali, dubbia moralità, furbate, molti lo rimpiangeranno. E ci racconteremo che, infondo, quando c’era Lui i treni arrivavano in orario.

In copertina una foto di Ricardo Stuckert/PR   (cropped) da Wikipedia nel 2008, nel pieno del suo fulgore

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Eta muore. L’intervista al professor Carotenuto

Quando l'indipendentismo diventa lotta armata e non viene capito dai cittadini. Dopo tutto il sangue versato in Spagna, la  cronaca di un "suicidio annunciato". Ecco cosa ci ha detto il professor Gennaro Carotenuto, docente di storia contemporanea dell'Università di Macerata

di Ilario Pedrini L’Eta non c’è più. Il movimento indipendentista basco è morto di ...

Il nucleare in Russia

Una panoramica degli armamenti nucleari russi, del loro numero, tipo e della presunta presenza di basi destinate a missili balistici intercontinentali sul territorio della Federazione

Alla luce delle utlime dichiarazioni di Putin sull’arma nucleare, riproponiamo questa infografica sul possibile ...

La Corea testa i missili. Trump: “Tutto OK”

Dopo la fine del Trattato sulle armi balistiche, una nuova generazione di armamenti è pronta a volare

  di Maurizio Sacchi La Corea del Nord ha lanciato il 10 agosto un ...