Bosnia-Erzegovina. Quando lo scontro nasce sui libri

I testi scolastici non raccontano la Storia in modo obiettivo denuncia l'Osce

di Raffaele Crocco

Ad essere preoccupata è l’Osce, questa volta: in Bosnia Erzegovina – sostengono i suoi funzionari – i libri di testo scolastici “non raccontano la Storia in modo obiettivo”. Morale: è impossibile avviare processi veri di ricostruzione e pace. La cosa è stata messa nero su bianco qualche settimana fa, al termine di una missione ufficiale. Preoccupazione di peso, questa, per un Paese che teoricamente sta affrontando gli esami per l’ingresso nell’Unione Europea. D’altro canto, il problema non è nuovo. Le scuole sono divise su base di appartenenza e i ragazzi bosgnacchi, ad esempio, hanno pochi o nulli contatti con i coetanei serbi o croati. I programmi scolastici vanno di conseguenza. Significa che ognuno dei tre popoli costituenti bosgnacco, serbo e croato – quelli riconosciuti dall’accordo di Dayton del dicembre 1995 come base giuridica del nuovo Stato – scrive storia, geografia come vuole. Persino la lingua viene variata, pur parlando in realtà tutti la medesima.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

La cosa è da sempre denunciata dal generale Jovan Divjiak, l’eroe di Sarajevo assediata, fondatore dell’associazione “L’istruzione costruisce la Bosnia”. La scuola, dice, sta creando in Bosnia le basi per accentuare le divisioni e creare nuove, future ragioni di guerra. I libri di testo usati nella serba Repubblica Srpska sembrano dimostrarlo. Scritti da Dragisa Vasic, non fanno ad esempio alcun riferimento al genocidio di Sebrenica, del luglio del 1995, quando gli uomini dell’esercito serbo bosniaco guidato da Ratko Mladic massacrarono 8mila bosgnacchi. Dice vagamente che l’esercito conquistò i quei giorni Sebrenica. Non parlano mai di “genocidio”, ammettono al massimo che ci sono stati crimini di guerra.

Per quanto riguarda Sarajevo, dice solo che parte della città era controllata dai bosgnacchi e che per i serbi è stato doloroso restituire la zona che controllavano. Altri libri non accennano alla condanna a vita per genocidio decisa dal Tribunale Internazionale dell’Aja per Radovan Karadzic, presidente dell’allora autoproclamata Repubblica Serba di Bosnia Erzegovina. Raccontano semplicemente che era uno psicologo, poeta e politico. Per contro nei libri della federazione bosniaca, si scrive che “l’esercito serbo bosniaco ha ripulito sistematicamente dalla popolazione non serba tutte le aree che controllava, distruggendo aspetti culturali, religiosi e storici”.

In pratica, ogni popolo si concentra solo sulle proprie vittime, negando o oscurando il resto. Un racconto della storia divisivo, che potrebbe peggiorare: il neo ministro all’istruzione della Serbia, Sarcevic, ha annunciato che sta lavorando per armonizzare i programmi scolastici fra Serbia e Repubblica Srpska di Bosnia. L’obiettivo è che ovunque si trovino i serbi, “apprendano le medesime cose, le stesse verità” di parte. Un modo come un altro per gettare benzina sul fuoco.

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Strage in Camerun

Lo scontro tra esercito e movimento separatista provoca ventidue vittime ma secondo le forze governative si è trattato di uno "sfortunato incidente" causato da un'esplosione di carburante

Una strage senza precedenti si è verificata in Camerun venerdì scorso nel villaggio di ...

Tutto il potere di Xi

Xi Jinping come Mao Zedong e Deng Xiaoping.  E’ stato un plebiscito per il ...

Boris, Donald e la guerra a Huawei

La decisione inglese di garantire al colosso cinese una grande fetta del mercato 5G in Gran Bretagna non piace agli Usa.Ed è subito scontro.  Un rapporto incrinato?

di Lucia Frigo Londra – Il presidente americano Donald Trump telefona qualche giorno fa ...