Colombia, la guerra sul grande schermo

Due lungometraggi - Colombia in my arms e La niebla de la paz-  che raccontano il conflitto  premiati all’ultimo Festival del cinema dei diritti umani di Napoli.

di Maurizio Sacchi

Due film sulla Colombia raccontano del difficile processo di pace: si tratta di Colombia in my arms. di Jenni Kivistö e Jussi Rastas, due registi finlandesi,  e di La niebla de la paz, di Joel Stangle, regista tedesco-statunitense. che vive da tempo in Colombia. Entrambi i lungometraggi sono stati premiati all’ultimo Festival del cinema dei diritti umani di Napoli. Sono due racconti molto diversi, per contenuti e stile: il primo è un ritratto impressionista e stralunato di un Paese dalle mille contraddizioni, che continua a stupire chi viene da fuori. E i due autori finlandesi non fanno eccezione, esuberanza, contraddizioni ed eccessi. Il secondo è invece un documento pulsante di realtà, che narra da dentro e da vicino quale sia il dramma di chi ha deposto le armi dopo gli accordi di pace fra le Fuerzas armadas revolocionarias de Colombia -le Farc- e il governo.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Colombia in my arms si muove fra un accampamento delle Farc sul punto di smobilitare, con interviste a un guerrigliero sul punto di deporre le armi; il Parlamento colombiano, di cui si evidenziano gli aspetti più ridicoli e paradossali; una lussuosa casa di campagna, dove un eccentrico rampollo della classe dirigente parla a ruota libera e tra un whisky e l’altro della sua idea di Colombia. E’ un documentario che conta con una fotografia scintillante, che accumula immagini e personaggi in un disordine forse voluto, e che non aiuta certo a fare ordine nella mente dello spettatore sulla intricata situazione del Paese, e sul tormentoso cammino dell’accordo di pace. Ma ne esce un panorama fascinoso della Colombia, una realtà che è davvero contraddittoria e molteplice, che affascina chiunque non si lasci spaventare dalla sua fama di violenza e di pericolo.

Anche La niebla de la paz ha inizio negli accampamenti nel profondo della foresta. Un ex comandante delle Farc, Teo, insegue i ricordi dei suoi anni di guerriglia. Seguito da Boris, cameraman ufficiale della formazione rivoluzionaria, alla ricerca di un nascondiglio nella giungla dove si trova l’hard-disk che contiene la storia del mezzo secolo di guerra. Si alterna a questa ricerca il dietro le quinte dei negoziati di pace tra le Farc e il governo colombiano a Cuba. Ma il vero dramma è il dilemma che affronta Boris, che assiste allo stillicidio di omicidi che colpiscono non solo gli ex combattenti che hanno deposto le armi, ma anche i leader indigeni e comunitari nelle zone un tempo controllate dagli insorti.

Ma Boris, pur cosciente del pericolo che corre, resiste ai richiami di vorrebbe tornare in montagna e alle armi, convinto com’è che la pace sia l’unica via d’uscita a un conflitto che insanguina questo splendido e unico Paese da generazioni.

In copertina La niebla de la paz

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Atlante al Salone dell’editoria sociale

Tra gli appuntamenti  dell'edizione 2018, la presentazione del nostro volume su guerre e  conflitti venerdi 2 novembre

Tra gli appuntamenti all’edizione 2018 del Salone dell’Editoria sociale (dal 2 al 4 novembre ...

Kurdistan Iracheno, referendum in bilico

Si avvicina il 25 settembre, quella che potrebbe diventare una data storica per la ...

Acqua e petrolio: le proteste scuotono l’Iran

La mancanza di acqua cronica e una grave crisi economica portano in piazza gli iraniani: nelle strade scioperi, manifestazioni, slogan contro il governo

di Alice Pistolesi Mancanza di acqua cronica e una grave crisi economica scuotono gli ...