Guerra e diplomazia al Palazzo di Vetro

Il caso dell'ambasciatore birmano all'Onu  dove il seggio del Paese è vacante. L'Afghanistan non ci sarà

Se l’Ucraina alla prossima Assemblea generale dell’Onu farà la parte del leone, ci sono anche altri casi solo apparentemente secondari che hanno a che vedere con la guerra. Meno mediatizzati forse ma non meno atroci di quella che si combatte in Europa. E’ il caso ad esempio del Myanmar o dell’Afghanistan. In quest’ultimo la guerra è finita ma il regime dei Talebani, non avendo avuto alcun riconoscimento internazionale, non è rappresentato e il seggio all’Onu gli è stato rifiutato. Nel primo la guerra invece è materia quotidiana ma ancora non si è deciso se a rappresentare i birmani debba esserci il vecchio ambasciatore all’Onu o quello che al suo posto vorrebbe la giunta militare, cui però il seggio a Palazzo è stato negato e resta vacante.

I casi sono molto diversi sotto il profilo diplomatico: a Kabul i diplomatici se ne sono andati se non per un pugno di ambasciate – tra cui Cina e Russia – rimaste aperte. In Myanmar invece i diplomatici sono rimasti: in una sorta di limbo di cui è lo specchio la decisione sul rappresentante-Paese all’Onu. Se i Talebani hanno le loro note difficoltà a dialogare con gli altri, anche perché non hanno interlocutori nel Paese, per il Myanmar ci pensa la società civile e le tante organizzazioni della diaspora che, in tutto il mondo, non smettono di ricordare le stragi quotidiane, l’illegalità e del golpe e, dunque, il diritto dell’ambasciatore U Kyaw Moe Tun a essere il Rappresentante Permanente all’Onu per il Myanmar. In Italia si sono trovati oggi a Milano per una manifestazione in centro (nella foto di copertina) dopo aver scritto al ministro Luigi Di Maio cui la Comunità birmana in Italia ha chiesto in una lettera il sostegno politico di Roma perché si riconfermi U Kyaw Moe Tun. La questione è delicata.

La scelta sulle candidature è in mano al Comitato per le credenziali cui spetta la scelta su chi o meno debba rappresentare un Paese. Se per l’Afghanistan la cosa è complicata dal fatto che non esiste nemmeno un governo in esilio, nel caso birmano, l’ambasciatore nominato dal vecchio esecutivo capeggiato da Aung San Suu Kyi è stato riconfermato dal Governo di unità nazionale, il governo ombra che rappresenta i parlamentari eletti nel novembre 2020 ed esautorati dal golpe del febbraio 2021. Governo che però nessuno riconosce. I nuovi membri del Comitato delle credenziali sono Angola, Austria, Guyana, Maldive, Uruguay e Zambia ma ci sono anche i membri permanenti di Usa, Cina e Russia. Questi ultimi due vicini alla giunta militare. L’ultima parola spetta teoricamente all’Assemblea ma non sarebbe la prima volta che si lascia in stallo la candidatura e il seggio vacante. Il caso scotta e Guterres, nel suo discorso, ha preferito evitare il dossier come potrebbero fare anche i Paesi membri rimandando la decisione.

(Red/Est/E.G.)

Tags:

Ads

You May Also Like

La terza edizione

Altre nuove schede conflitto, per un pianeta sempre più in guerra. Uno speciale dedicato ...

Decreto Minniti. Meno diritti più carabinieri

Non solo abolizione del ricorso in appello per il riconoscimento del diritto di asilo, ...

Rohingya, nubi sul rimpatrio

di Emanuele Giordana Quando a fine novembre 2017, Myanmar e Bangladesh hanno siglato un ...