I segreti (atomici) della Guerra Fredda

Negli anni Ottanta, l'occupazione sovietica dell' Afghanistan fece passare in secondo piano le preoccupazioni per la crescita del nucleare pachistano che preoccupavano molto Washington. Grazie anche alla politica anti Mosca della Cina

di Emanuele Giordana

La Guerra Fredda ebbe l’Afghanistan come uno dei suoi nodi strategici e vitali, per certi versi né più né meno di ora. Tanto vitale fu quel conflitto, che gli Stati Uniti chiusero un occhio sul programma nucleare tanto caro al dittatore pachistano Zia ul-Haq.

Il generale Zia ul-Haq

Lo rivelano nuovi documenti desecretati dai National Security Archives che spiegano come l’invasione sovietica dell’Afghanistan nel dicembre 1979 abbia avuto un impatto immediato sulla politica degli Stati Uniti nei confronti del Pakistan, che preoccupava Washington per il suo programma nucleare. I colloqui del Segretario alla Difesa Harold Brown con importanti funzionari cinesi, ispirati da Deng Xiao Ping, rivelano come vi fosse una preoccupazione, tanto cinese quanto americana, che gli aiuti incanalati attraverso Islamabad alla resistenza anti-sovietica dei mujahedin afgani potessero spingere Mosca a mettere sotto pressione Islamabad: e che dunque c’era un interesse americano a migliorare le relazioni con il Pakistan abbassando la guardia sulla priorità della questione nucleare.

Come Brown spiegherà a Deng: “metteremo da parte [la questione nucleare] per il momento e ci concentreremo sul rafforzamento del Pakistan contro la possibile azione sovietica”. In altre parole, gli obiettivi della Guerra Fredda si rivelarono prioritari rispetto ai problemi della non proliferazione nucleare. In realtà, mentre Deng sosteneva che Pechino si opponeva al programma nucleare pachistano, Cina e Pakistan avevano già sviluppato una speciale relazione nucleare che stava a cuore al generale Zia. Ma allora a preoccupare Washington era soprattutto l’Urss e dunque il Pakistan poteva aspettare. Un Paese con cui gli americani costruirono un’alleanza che dura ancora oggi.

Nell’immagine di copertina uno dei documenti desecretati dai Nsa

Tags:

Ads

You May Also Like

Giornalisti: vita dura anche nei Paesi in pace

Aumenta in quasi tutto il mondo la violenza sui cronisti che indagano contro il potere. E la situazione peggiora in Usa, e in tutte le grandi potenze. Il Rapporto annuale di Reporters sans Frontieres lancia un allarme sullo stato della democrazia nel mondo

di Maurizio Sacchi Nel recente Rapporto globale annuale di Reporters sans Frontieres si dà ...

Made in Bangladesh

di Andrea Tomasi I sette militanti che l’1 luglio hanno assaltato il ristorante di ...

Nubi sopra Dacca

Diciannove condanne a morte e l'ergastolo al capo dell'opposizione in Bangladesh. Massima allerta in città in un clima politico sempre più teso

La giustizia di Dacca ha comminato ieri ben 19 condanne a morte nelle file ...