Israele e Palestina. Morte genera Morte

di Raffaele Crocco

E’ stupida vendetta. E’ l’incapacità di tener separate le cose, i fatti, dividendo il dolore individuale dalla rabbia collettiva. E’ il fattore Umano. Oppure è’ solo la diabolica capacità di sfruttare tutto questo, per farlo diventare strumento, per usarlo e raggiungere scopi, obiettivi.
La guerra che sta nuovamente colpendo Palestina e Israele e’ tutto questo. Uso il termine colpire, perché’ questo fa la guerra: colpisce come una malattia infettiva, come un cancro, un infarto.
Tre ragazzi rapiti e massacrati da una parte, un altro preso e bruciato dall’altra, le cause di questa ennesima carneficina annunciata. Nessuno ha pensato di agire semplicemente secondo legge e giustizia, punendo i colpevoli in quanto uomini, macellai, assassini. Qualcuno, sempre i soliti, coloro che predicano “giustizia” per il loro popolo incitandolo ad uccidere e a farsi uccidere, ha spiegato che no, che il sangue andava lavato con Il sangue, come sempre, come da sempre, come dicono le scritture – raccontano – che sono sacre e quindi sono verità.
Alla fine eccoci ancora qui, dopo 66 anni, a contare i morti attuali, immaginando quelli futuri. Perché ancora una volta i morti di oggi chiederanno vendetta, genereranno morte domani. Morte che genera morte, che genera morte. Una catena infinita. Che nessuno di noi spezza.

Tags:

Ads

You May Also Like

Marcia del Ritorno, dall’Onu pesanti accuse a Israele

L'anticipazione del rapporto di una commissione indipendente dell'Alto commissariato di Ginevra che denuncia la violazione delle leggi internazionali contro i manifestanti palestinesi. In un momento già molto delicato per il premier Netanyahu

Ci sono “ragionevoli motivi” per ritenere che la risposta delle forze di sicurezza israeliane ...

Amnesty: Israele liberi i palestinesi sottoposti a detenzione amministrativa

Nel rapporto intitolato “Affamati di giustizia: palestinesi detenuti senza processo da Israele”, Amnesty International ...

Profughi e porti: per favore basta bugie

La Democrazia è forma e sostanza. Insomma questione di competenze. Perché quindi un Ministro degli Interni  può comportarsi come un Ministro della Difesa, degli Esteri o un Primo Ministro senza che alcuno si ponga domande?

di Raffaele Crocco Quello che vorrei capire, da giornalista, è perché da due giorni ...