La Via della seta compie 10 anni: chi la teme e chi no

I leader e i rappresentanti di oltre 130 Paesi partecipano a Pechino al forum che celebra l'anniversario dei 10 anni della Belt and road initiative

I leader e i rappresentanti di oltre 130 Paesi partecipano a Pechino al forum che celebra l’anniversario dei 10 anni della Belt and road initiative

di Maurizio Sacchi

Il Presidente cinese Xi Jinping ha messo in guardia gli Stati occidentali contro il ‘disaccoppiamento’ dall’economia del suo Paese (per ‘decoupling’ si intende il tentativo di rendere meno dipendente l’economia a stelle e strisce da quella della Cina), insistendo sul fatto che lo sviluppo della Cina non deve essere visto come una minaccia ma come una risorsa. Al momento, la quota statunitense delle importazioni dalla Cina è in calo, Dopo aver raggiunto un picco del 21,6 percento nel 2017, la quota della Cina sul totale delle importazioni di beni negli Usa è scesa al 16,5 nel 2022 e si è attestata al 13,5 nei primi otto mesi di quest’anno, il livello più basso dal 2004. I dazi punitivi imposti dall’amministrazione Trump, le restrizioni ancora più severe sul commercio e sugli investimenti della Casa bianca di Biden, l’aumento dei salari in Cina e il ridisegno della catena di fornitura globale hanno contribuito a questo calo.  

Ma Gli Usa restano dipendenti dalla Cina in quasi tutti i comparti essenziali. La dipendenza dell’America dalla Cina per i minerali strategici e critici non solo rimane elevata, ma in alcuni casi è addirittura aumentata. Quando si tratta di raffinare il minerale di ferro in acciaio o di polverizzare il cobalto in particelle di fine purezza per le batterie, la maggior parte delle strade passa per la Cina. L’infrastruttura di lavorazione della nazione – si pensi alle fonderie, alle raffinerie, alle attività di cracking, ai prodotti chimici  – non è seconda a nessuno su scala globale. Si tratta di un assetto potenzialmente pericoloso per un Paese come gli Stati uniti, che secondo il Servizio geologico Usa, dipende al 100 percento dalle importazioni di grafite e manganese, al 76 percento dal cobalto e al 56 dalle importazioni  di nichel.

Gli Stati uniti dipendono in modo significativo da altri Paesi anche per l’antimonio, i minerali delle terre rare, la barite, il bismuto, il gallio, il germanio, il tantalio, l’ittrio e molti altri minerali. L’elenco continua. Secondo il rapporto “Mineral Commodity Summaries 2023” dell’U.S. Geological Survey, gli Stati Uniti sono ora dipendenti per oltre il 50 percento dalle importazioni nette di 51 minerali, rispetto ai 47 del rapporto precedente. E di questi 51 minerali, la Cina è il fornitore numero 1  di 12 minerali considerati “critici”. La dipendenza dell’America dalla Cina per alcune di queste materie prime è effettivamente aumentata negli ultimi anni. Quando si tratta di minerali critici per alimentare la transizione verde dell’America e per sostenere i settori dei semiconduttori e della difesa la tendenza è quella di una maggiore, non minore dipendenza dalla Cina. Tra il 2016 e il 2022, la dipendenza degli Stati Uniti dalle importazioni dalla Cina per la grafite, magnesio e terre rare è aumentata in modo significativo.

Xi Jinping ha ammonito: ”Siamo contrari alle sanzioni unilaterali, alla coercizione economica, al disaccoppiamento e all’interruzione della catena di approvvigionamento. (…) Considerare lo sviluppo degli altri come una minaccia o prendere l’interdipendenza economica come un rischio non migliorerà la propria vita né accelererà il proprio sviluppo”, ha aggiunto. “La Cina può fare bene solo quando il Mondo sta facendo bene… Quando la Cina farà bene, il Mondo migliorerà ancora”. Xi si è anche impegnato ad alleggerire le restrizioni agli investimenti e a facilitare migliori legami commerciali. “Elimineremo completamente le restrizioni all’accesso agli investimenti stranieri nel settore manifatturiero”, aprendo “il commercio transfrontaliero e gli investimenti nei servizi ed espandendo l’accesso al mercato per i prodotti digitali”, ha detto Xi. Ha aggiunto che la Cina ha in programma riforme per le aziende statali, così come per l’economia digitale, i diritti di proprietà intellettuale e gli appalti pubblici.

Chi c’era, e chi no. Erano presenti il Presidente russo Vladimir Putin, il Presidente indonesiano Joko Widodo, il Presidente serbo Aleksandar Vucic, il Primo Ministro egiziano Mostafa Madbouly e il Primo Ministro pakistano Anwaar-ul-Haq Kakar, mentre  il Primo ministro nazionalista-populista dell’Ungheria Viktor Orban è stato l’unico leader dell’Unione europea a partecipare.

Nell’immagine ufficiale del Cremlino, i partecipanti al Forum

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Un camper nei conflitti: le gravissime inondazioni in Congo

L'appuntamento settimanale col podcast di InPrimis, Unimondo, atlanteguerre

Un camper nei conflitti è un podcast settimanale realizzato con una collaborazione di Associazione culturale inPrimis, Atlante ...

Taiwan Files: aerei, soldati, feste e diplomazia

Da Taipei (e dintorni) le ultime notizie in pillole su quello che il The ...

Sri Lanka: tutto il potere alla famiglia

I due fratelli Rajapaksa escono vittoriosi dalle elezioni del 5 agosto

Tutto il potere in famiglia. Si potrebbe sintetizzare cosi’ la vittoria della coppia Rajapaksa ...