L’annus horribilis della Russia

Bilancio di un 2021 che detiene il triste record dell’ultimo decennio

di Ambra Visentin

Il 2021 è stato l’anno più repressivo del decennio”, così descrive Grigory Okhotin, fondatore del progetto OVD-info, gli ultimi dodici mesi della Russia, tracciando una parabola che ha inizio con l’arresto del principale leader dell’opposizione Aleksej Navalny e si conclude con la chiusura del Memorial, “la più antica organizzazione per i diritti umani” e con il nuovo progetto di legge sulla cittadinanza, le cui implicazioni fanno già tremare gli oppositori del potere.

La guerra ai dissidenti si è lasciata alle spalle ogni confine. Sul piano dei suoi bersagli è andata ad ampliare il concetto di “agente straniero” e ha colpito dagli attivisti politici ai rapper, agli avvocati, cancellando partiti e arrestando rappresentanti eletti dal popolo. Dal punto di vista del terreno di battaglia il Cremlino ha annientato la strategia digitale di Navalny, lo “Smart Voting” e ha manipolato i voti elettronici del 17-19 settembre, ottenendo la vittoria elettorale del partito di maggioranza Russia Unita. A due giorni dalle elezioni, l’applicazione creata da Navalny che permetteva di individuare per ogni circoscrizione elettorale il nome del candidato di opposizione con maggiori possibilità di battere il candidato del partito al potere è stata bloccata da Apple e Google su richiesta di Vladimir Putin. I brogli elettorali hanno portato il Partito Comunista (KPRF), che continua a contestare i risultati delle elezioni, a presentare a fine anno alla Duma di Stato un disegno di legge sull’abolizione del voto elettronico a distanza, poiché sarebbe stata proprio la manipolazione dei dati digitali a permettere un capovolgimento dei risultati, penalizzando pesantemente i candidati KPRF.

In tutto il 2021 si è registrata una forte emigrazione fra i dissidenti, tra cui i politici Gennady e Dmitry Gudkov, Sergej Boyko, i giornalisti Roman Badanin e Roman Dobrokhotov, l’attivista per i diritti umani Pyotr Verzilov, l’avvocato Ivan Pavlov e i suoi colleghi, e il rapper Alisher Morgenstern. Verso fine aprile l’organizzazione di Aleksei Navalny è stata dichiarata fuori legge per “attività estremiste”. A rischio persecuzione penale restano un centinaio di ex collaboratori di vario livello. Leonid Volkov, ex capo della rete di sedi regionali del quartier generale di Navalny, anch’esso in esilio, riassume così la situazione in un messaggio sul canale Telegram: “A novembre, subito dopo l’arresto di Lilia Chanysheva (ex coordinatrice della sede di Ufa*NDR), abbiamo ricontattato tutti gli ex coordinatori rimasti ancora in Russia, e offerto assistenza per la partenza: finanziaria, organizzativa, ecc. (…) tuttavia, i restanti ex dipendenti si rifiutarono categoricamente di andarsene”. Dei 38 ex coordinatori delle sedi, almeno 14 sono emigrati. Due, Zakhar Sarapulov e Ksenia Fadeeva, sono stati arrestati a fine anno. Fadeeva, ex capo del quartier generale di Tomsk, rischia la pena più pesante. In base al paragrafo 3 dell’art. 282.1 del codice penale della Federazione Russa –organizzazione di comunità estremista con l’utilizzo di una posizione ufficiale (Fadeeva è deputata della Duma di Tomsk dal 2020) – l’esponente politica rischia una pena da 7 a 12 anni di reclusione. Volkov sottolinea che è la prima volta che le accuse di azioni estremiste vengono rivolte ad un rappresentate in carica, ricordando inoltre che gli arresti avvengono con effetto retroattivo, in quanto le attività dell’organizzazione di Navalny sono cessate in primavera.

La fuga obbligata come mezzo di repressione dunque. Questo però a Putin non basta. In chiusura del 2021 il Presidente russo ha sottoposto alla Duma un progetto di legge che prevedrebbe da un lato una riduzione dei requisiti per l’acquisizione di cittadinanza, dall’altro introdurrebbe l’istituto della cessazione della cittadinanza stessa, ampliando la lista dei reati per i quali questa può essere sottratta. Sebbene al momento essa riguardi solo i cittadini che hanno ricevuto lo status non per nascita c’è già chi, come il deputato alla Duma Alexander Khinishtein, parla di estenderla a tutti coloro che “odiano il Paese”. Dichiarazioni, queste, che non possono che far temere il peggio a tutti gli oppositori, in patria come in esilio.

In copertina una delle costruzioni del complesso del Cremlino: la torre Spasskaya

Tags:

Ads

You May Also Like

In Ungheria e Serbia vittoria dei nazionalisti

Il rifiuto delle sanzioni alla Russia e le forniture energetiche temi chiave. Si rompe il Patto di Visegrad

Vittoria dei nazionalisti in Serbia e Ungheria, due Paesi al momento vicini alla Russia ...

Attenti a quei due

Continua a salire la tensione in Europa orientale tra Kiev e Mosca. Con parole e fatti

L’Ucraina  ha condannato il piano della Russia di schierare un quarto battaglione missilistico S-400* ...

Via libera alle missioni italiane

Con la risoluzione approvata dal Senato si confermano gli impegni all'estero, Libia compresa

E’ stata approvata dal Senato italiano la risoluzione della maggioranza sulle missioni militari all’estero ...