Myanmar, il pianeta della diaspora contro la giunta

Appuntamento sabato e domenica per chiedere il riconoscimento del Governo ombra e onorare i martiri caduti per difendere la libertà. In Italia, manifestazione a Venezia

La diaspora birmana che fa parte della resistenza civile alla giunta militare birmana ha fissato un nuovo appuntamento in diversi luoghi del pianeta nel weekend del 17 e 18 luglio. La scelta della nuova manifestazione vuole onorare le tante generazioni di caduti nel Myanmar per una giusta causa, dalla lotta per l’indipendenza a quella attuale per la democrazia. Global Myanmar Spring Revolution in Italia si tiene a Venezia, in Piazza Giacomo dall’Orio sabato 17 luglio. I manifestanti si presenteranno in piazza con una maglietta bianca, simbolo di purezza, e una striscia di stoffa nera al braccio sinistro, segno di lutto per i martiri caduti. La manifestazione è stata promossa dal Governo di unità nazionale (Nug) clandestino che vuole ricordare il generale Aung San (padre della resistenza anti coloniale e di Aung San Suu Kyi) e i membri del suo gabinetto, assassinati dopo la vittoria del movimento per l’indipendenza del 1947. Ma è nel contempo un modo per ricordare anche i martiri di oggi, uccisi dalla repressione della giunta militare instauratasi il 1 febbraio scorso che ha già prodotto oltre 900 vittime e tiene ancora in carcere oltre 5mila detenuti politici.

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Essere partigiani

Il 25 aprile è una festa che dice chi sono i giusti e che dice con chiarezza chi sta dalla parte della legge- gli antifascisti - e chi è contro

Filippine, una legge per l’autonomia dei “Mori”

Dopo ventidue anni di negoziati tra il Fronte islamico di liberazione Moro e il governo centrale il parlamento ha approvato un testo che dovrà  essere sottoposto a referendum

di Alice Pistolesi Le Filippine rispondono alla spinta autonomista della regione di Bangsamoro nell’isola ...

Una violenza senza fine brucia il Myanmar

Aung San Suu Kyi mandata in isolamento. Uccisioni che hanno superato quota 2mila vittime. La denuncia dell'Onu. E lo spettro della pena di morte che aleggia sul Paese

La giunta golpista birmana ha confermato di aver trasferito la leader democratica Daw Aung ...