Myanmar, Nug annuncia nuova politica sui Rohingya

Svolta epocale del Governo ombra di Aung San Suu Kyi. Garantirà il ritorno della minoranza profuga in Bangladesh riconoscendole la cittadinanza birmana

Il Governo clandestino di Unità nazionale birmano (Nug) annuncia una nuova politica a favore della minoranza rohingya, cacciata da un pogrom anti musulmano nel 2016 e nel 2017 che ha espulso dallo Stato del Rakhine quasi un milione di profughi  che ora si trovano nei campi del Bangladesh al confine col Myanmar. La nuova politica del Governo ombra, annunciata ieri,  è stata oggi ufficializzata in una conferenza stampa che è stata aperta dal Vice ministro  degli Esteri del Nug U Moe Zaw Oo che ha affrontato il tema in apertura. Presente anche il dr Sasa, portavoce del Governo ombra che ha poi spiegato in inglese le parole del ministro.

Nella sua “Policy Position on the Rohingya in Rakhine State” il Nug riconosce i diritti dei Rohingya e le atrocità che hanno dovuto subire in Myanmar. La dichiarazione rappresenta un cambiamento epocale rispetto all’atteggiamento tradizionale e alla persecuzione dei Rohingya da parte della giunta militare e dei precedenti governi, che hanno  regolarmente negato sia l’esistenza dei Rohingya come comunità birmana sia le prove delle atrocità di massa da loro subite durante i pogrom. “Cercheremo attivamente giustizia e responsabilità per tutti i crimini commessi dai militari contro i Rohingya e tutte le altre persone del Myanmar nel corso della nostra Storia”, si legge nella dichiarazione che prosegue affermando che  “Intendiamo, se necessario, avviare processi per concedere alla Corte penale internazionale la giurisdizione sui crimini commessi in Myanmar contro i Rohingya e altre comunità”. Finora sempre rifiutata.

ll Nug infine si impegna ad abolire le cosiddette carte di verifica nazionale (National Verification Card process), sistema  coercitivo che richiede che i Rohingya si identifichino come stranieri. Il Governo si impegna dunque  a garantire i diritti di cittadinanza basati “sulla nascita in Myanmar o sulla nascita ovunque come figlio di cittadini del Myanmar”. Il Governo di unità nazionale si impegna poi per il “rimpatrio volontario, sicuro e dignitoso” dei rifugiati Rohingya  che si trovano fuori dal Paese nello Stato di Rakhine. Il documento ufficializzato oggi si conclude con questa frase: “Invitiamo i Rohingya a unirsi a noi e ad altri per partecipare a questa rivoluzione di primavera contro la dittatura militare in tutti i modi possibili”.

Al momento non ci sono Rohingya nel Nug, ma il dr Sasa ha recentemente nominato come suo consigliere Maung Zarni, riconosciuto esponente della comunità rohingya per la sua strenua battaglia di difesa dei diritti della minoranza. Un passo che ha aperto la strada alle prese di posizione e alle aperture di questi giorni. Strada in salita però perché la designazione di Maug Zarni poi è caduta dopo una selva di critiche al personaggio.

Il governo ombra è stato ufficializzato  il 16 aprile da parlamentari eletti in novembre ed  estromessi dal colpo di stato militare del 1 febbraio messo in atto da Tatmadaw, l’esercito birmano guidato da Min Aung Hlaing. E’  composto da 26 ministri e quattro dirigenti, tra cui la consigliera di Stato Aung San Suu Kyi (premier de facto e ora in carcere)  e il presidente Win Myint (lui pure agli arresti). A ieri, il bilancio delle vittime del golpe è di 845 persone mentre è di oltre 4500 il numero dei dimostranti, attivisti e leader democratici detenuti dai militari.

(Red/Em.Gio.)

Vai alla scheda conflitto Myanmar

Nelle  foto, un momento della conferenza e, a destra,   il Vice ministro  degli Esteri del Nug U Moe Zaw Oo. In copertina il vertice del Nug

Tags:

Ads

You May Also Like

Afghanistan: donne (sciite) nel mirino

Lutto nazionale dopo la strage di studentesse e studenti di un liceo ieri a Kabul. Nessuna rivendicazione

Il salario sempre più basso di chi ci cuce il vestito

Lavoro/Covid-19. Un nuovo rapporto di Abiti puliti fa il punto su pandemia, tessile e salari. Sempre più ridotti

Di Emanuele Giordana Un nuovo rapporto di Abiti puliti fa il punto su pandemia, ...

Occhi puntati su Hanoi

Entra nel vivo domani il vertice tra Trump e Kim. Oggi solo un incontro a quattr'occhi per cena

 Il summit Usa Coreano di Hanoi entra nel vivo domani  dopo l’incontro oggi  nella ...