Nubi tra Germania e Marocco

Berlino ha annunciato che congelerà oltre 1miliardo di dollari di aiuti destinati a progetti di sviluppo per la questione saharawi, mentre l'Ohchr attacca Rabat per la violazione di diritti umani

Nubi sempre più fitte nei rapporti tra Germania e Marocco che hanno come causa la questione del Sahara Occidentale. Dopo le crescenti tensioni diplomatiche culminate con la sospensione dei legami di Rabat con l’ambasciata tedesca a marzo e il ritiro del suo ambasciatore a Berlino il mese scorso, Berlino ha annunciato che congelerà aiuti per oltre 1miliardo di dollari destinati a progetti di sviluppo in Marocco. Tra i progetti chiave sospesi c’è un accordo firmato dai due Paesi lo scorso anno per la produzione e la ricerca di idrogeno verde. Secondo la dichiarazione che annuncia il ritiro del suo ambasciatore a Berlino, Zohour Alaoui, il Marocco ha citato tre rimostranze alla Germania: la posizione del paese sul territorio conteso del Sahara occidentale, la sua “complicità” in relazione a un individuo non identificato “precedentemente condannato per atti di terrorismo” e il fatto che Berlino “mostri una continua determinazione a contrastare l’influenza del Marocco, in particolare sulla questione libica”.

Secondo i dati del ministero tedesco per la cooperazione e lo sviluppo economico, nel 2019 il Marocco si è classificato terzo tra i paesi africani che hanno ricevuto il maggior numero di aiuti per la cooperazione allo sviluppo dalla Germania, dopo Egitto e Tunisia.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

A prendere la parola sulle violazioni dei diritti umani è stata invece Mary Lawlor, relatrice speciale sulla situazione degli attivisti dei diritti umani, durante la sessione del Consiglio delle Nazioni unite per i diritti umani (Cdh) che si è riunito lo scorso mercoledì a Ginevra. Lawlor ha evidenziato i casi dei difensori dei diritti umani Naâma Asfari e Khatri Dadda, detenuti rispettivamente dal 2010 e dal 2019, che stanno scontando condanne a 30 e 20 anni. “Non solo i difensori dei diritti umani che lavorano su questioni relative ai diritti umani in Marocco e nel Sahara occidentale continuano a essere ingiustamente criminalizzati per le loro attività legittime, ma ricevono pene detentive sproporzionatamente lunghe e, mentre sono imprigionati, sono sottoposti a trattamenti crudeli, disumani e degradanti e tortura”, ha detto Lawlor.

Lawlor si è anche espressa contro “il sistematico e implacabile attacco ai difensori dei diritti umani come rappresaglia per aver esercitato i loro diritti alla libertà di associazione e di espressione per promuovere i diritti umani nel Sahara occidentale.

Reprimere individui e organizzazioni che lavorano per i diritti umani, compresi quelli che si impegnano con le Nazioni Unite, “è abominevole e danneggia la società nel suo insieme”, ha aggiunto.
Lawlor ha affermato di aver ricevuto segnalazioni secondo cui i difensori dei diritti umani che lavorano su questioni relative ai diritti umani nel Sahara occidentale sono stati sottoposti a “intimidazioni, molestie, minacce di morte, criminalizzazione, aggressioni fisiche e sessuali, minacce di stupro e sorveglianza”.  Se questi rapporti vengono confermati, “si configurano come violazioni del diritto e degli standard internazionali sui diritti umani e vanno contro l’impegno del governo marocchino nei confronti del sistema delle Nazioni Unite nel suo insieme”.

Ha evidenziato il caso della donna difensore dei diritti umani Sultana Khaya e della sua famiglia, a cui dal novembre 2020 è stato impedito di lasciare la loro casa a El Aaiún. Sultana Khaya è presidente della Lega per la difesa dei diritti umani e la protezione delle risorse naturali a Boujdour e lavora per i diritti delle donne ei diritti di autodeterminazione nel Sahara occidentale.

È stata ripetutamente molestata dalle autorità marocchine e ha perso un occhio quando è stata attaccata da un agente di polizia nel 2007. Negli ultimi sette mesi, la polizia e i veicoli della sicurezza hanno bloccato l’accesso alla casa, impedendo alla famiglia di andarsene, e i parenti spesso non sono stati in grado di per fornire disposizioni vitali. Ogni volta che ha cercato di uscire di casa, Sultana Khaya è stata minacciata e aggredita fisicamente dagli agenti.

A maggio, la casa è stata perquisita dalle autorità marocchine due volte in 48 ore. Durante il secondo raid del 12 maggio, Sultana Khaya e sua sorella, l’attivista per i diritti umani Luara Khaya, secondo quanto riferito, sono state aggredite sia fisicamente che sessualmente da agenti mascherati, e il loro fratello è stato aggredito fisicamente. Un contingente di agenti delle forze dell’ordine continua a essere di stanza fuori casa, senza alcuna spiegazione legale per la loro presenza.

Sultana e Luara Khaya sono entrambi membri dell’Organo Saharawi contro l’occupazione marocchina (ISACOM), un’organizzazione fondata nel settembre 2020 per difendere il diritto all’autodeterminazione non violenta per le persone nel Sahara occidentale e per lavorare per il rilascio dei politici Saharawi prigionieri. Da quando è stata fondata, i suoi membri – comprese le difensori dei diritti umani Mina Baali e Salha Boutinguiza; Lahcen Dalil, Hassanna Abba, Hmad Hammad, Babuizid Muhammed Saaed Labhi, Salek Baber e Khalid Boufrayoua – sono stati aggrediti e persino torturati, e contro l’organizzazione è stata aperta un’inchiesta dal pubblico ministero di El Aaiún.

Lawlor ha anche espresso particolare preoccupazione per l’apparente uso della violenza e la minaccia di violenza per prevenire e ostacolare le difensori dei diritti umani nelle loro attività pacifiche per i diritti umani.

di Red/Al.Pi

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Afghanistan: donne (sciite) nel mirino

Lutto nazionale dopo la strage di studentesse e studenti di un liceo ieri a Kabul. Nessuna rivendicazione

Myanmar, un video per capirne di più

La storia del Paese asiatico in una produzione di disegni animati di LechLechà in collaborazione con uno dei nostri autori

Shopping sessuale

di Andrea Tomasi Turismo sessuale minorile sempre più diffuso. Piace agli americani, piace agli ...