Raid iraniano in Israele

Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica ha confermato l'attacco come parte della punizione per "il crimine dell'entità sionista di aver preso di mira il consolato iraniano in Siria", mentre all'Onu fanno sapere che considerano l'operazione "conclusa"

Nella notte l’Iran ha lanciato centinaia di missili e droni contro Israele. L’attacco ha fatto scattare le sirene nelle città di tutto Israele, tra cui Tel Aviv e Gerusalemme ovest e si sono sentite varie esplosioni, mentre le difese aeree intercettavano i proiettili.

La pioggia di missili e droni ha provocato vari feriti, tra cui una bambina di 7 anni e ha causato lievi danni a una struttura militare israeliana. Pare che i lanci provenissero dall’Iran, così come dall’Iraq e dallo Yemen. L’esercito israeliano ha affermato che che il 99% è stato intercettato con l’aiuto delle forze di Francia, Regno Unito e Stati Uniti.

Il primo attacco iraniano diretto al territorio israeliano è arrivato come forma di ritorsione per il raid avvenuto nei pressi del consolato iraniano a Damasco, in Siria, il 1 aprile, che ha ucciso 12 persone, tra cui due generali anziani della Forza Quds dell’IRGC. Israele non ha né confermato né negato la responsabilità dell’attacco al consolato.

Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana ha infatti confermato l’attacco, affermando di aver lanciato droni e missili nell’ambito dell’operazione True Promise come parte della punizione per “il crimine dell’entità sionista di aver preso di mira il consolato iraniano in Siria” il 1 aprile.

Questa mattina la missione dell’Iran presso le Nazioni Unite ha dichiarato di ritenere la questione “conclusa” e ha avvertito Israele di una risposta “considerevolmente più severa” nel caso in cui il “regime israeliano commettesse un altro errore” e ha avvertito gli Stati Uniti di restare fuori dal conflitto. L’ambasciatore Saed Iravani ha inviato una lettera alla presidenza del Consiglio di sicurezza Onu e al segretario generale Antonio Guterres affermando che l’attacco contro Israele “rientra nell’esercizio del diritto di Teheran all’autodifesa”.

*Un fermoimmagine del video di Ansa sugli attacchi a Gerusalemme

Tags:

Ads

You May Also Like

La premiazione di WARS a Ferrara

Al Festival di Internazionale i vincitori del concorso fotogiornalistico dell'Atlante e un'anticipazione della mostra

Oltre cento reportage da 36 paesi diversi e 5 continenti per la prima di ...

“Restart”, la rinascita degli studenti armeni

Nel nuovo movimento dal basso crescono i futuri giovani leader del Paese

di Teresa Di Mauro Yerevan – E’ con la rivoluzione di velluto, lo scorso aprile, ...

Afghanistan, passi avanti e divisioni ai colloqui di Mosca

I russi mettono le zampe nel piatto negoziale afgano. Tutti gli interessi dei convitati di pietra al possibile processo di pace nel paese dell'Hindukush

Dopo un round di colloqui a Mosca, dove hanno partecipato talebani ed esponenti dell’opposizione ...