Ruanda, il genocidio dell’aprile 1994

Ogni anno in questo mese l'Onu ricorda con una  Giornata Mondiale della Memoria in onore delle vittime quanto accadde nella Regione dei Grandi laghi

di Lia Curcio

In Ruanda, tra il 6 aprile e il 16 luglio del 1994 si consumò il genocidio dei tutsi e l’uccisione sistematica degli hutu moderati per mano dell’esercito regolare e delle milizie paramilitari hutu degli interahmwe ruandesi. In appena 100 giorni fu eseguito lo sterminio di quasi un milione di persone, compiuto soprattutto con machete, asce e bastoni chiodati. Tra i sopravvissuti si contano più di 300 mila orfani. Sono innumerevoli, in questo inferno, le storie di persone che hanno fatto la scelta, a volte pagando con la propria vita, di opporsi a questa follia nascondendo i perseguitati nelle proprie case o aiutandoli a fuggire. Nella giornata del 7 aprile le Nazioni Unite hanno istituito la Giornata Mondiale della Memoria in onore delle vittime del genocidio in Ruanda, per ricordare quella terribile pagina di storia. (segue su Unimondo)

In copertina: Human di Jannik Skorna

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Un Atlante sull’uranio

Appoggiamo  la campagna di crowfunding lanciata in questi giorni da Multimage per pubblicare in italiano una guida per capire la diffusione di un'arma micidiale per nulla desueta

Guerra di poteri a K L (aggiornato)

Crisi politica risolta in Malaysia. Nel Paese più stabile del Sudest asiatico una settimana di colpi di scena

Ultimora. A sorpresa il  sultano Abdullah Sultan Ahmad Shah, dopo aver ascoltato  tutti i ...

La protesta dei palestinesi contro gli sfratti

Oltre 300 feriti in pochi giorni, la questione di Sheikh Jarrah, il Ramadan che volge al termine, il Gerusalem day: gli elementi di una "ricetta esplosiva"