Sahel sempre più a secco

In migliaia lasciano ogni anno il Sahel per la scarsità di acqua, la grave insicurezza alimentare. E in molti arrivano in Europa.

A dirlo il rapporto dell’associazione Wetland International in collaborazione con la Croce Rossa europea, presentato a Bruxelles.

Sono ad oggi venti milioni le persone della regione africana in grave crisi umanitaria a causa del declino delle zone umide dell’area che cinge l’Africa sub-sahariana.

A risentire del cambiamento climatico oggi, come riportato dall’agenzia di stampa Ansa, sono fiumi, laghi, pianure e delta della regione.

Secondo Juriaan Lahr, direttore delle operazioni internazionali della Croce Rossa olandese, il “ cambiamento climatico e sconsiderati progetti di sviluppo economico, come la costruzione di dighe e sistemi di irrigazione che deviano le risorse idriche costituiscono le principali cause di migrazioni, conflitti armati, e del depauperamento della fertilità delle aree umide del Sahel”.

Questa zona ha rappresentato la base per le economie di Mali, Niger, Nigeria, Ciad, Burkina Faso, Camerun, Sudan, Etiopia, Eritrea e Kenya e ad oggi è un’area assolutamente inospitale.

La relazione riporta che dalla metà del 2013, nel bacino del lago Ciad l’erosione delle risorse idriche ha provocato oltre 2,3 milioni di sfollati.

L’Unione europea ha destinato nei mesi scorsi un pacchetto finanziario di 5 milioni di euro per la gestione dei rischi di catastrofi nell’Africa sub-sahariana.

In una intervista su La Stampa la ministra della difesa italiana Roberta Pinotti ha dichiarato di “lavorare con gli africani per fermare i migranti del Sahel”.

Tags:

Ads

You May Also Like

India e Germania: il dialogo unica soluzione per la guerra

Scholz invita Modi al G7 di giugno. Si parla di pace con un mezzo passo indietro di Delhi sul conflitto 

di Maurizio Sacchi da Berlino E’ passata quasi inosservata la visita di tre giorni ...

La Svezia a un passo dalla Nato, col futuro dei curdi ancora in gioco

Gli USA devono soddisfare le richieste della Turchia per fargli togliere il veto sull’allargamento dell’Alleanza Atlantica. La disputa è incentrata sulla richiesta di F-16 da parte di Ankara. Incerto il futuro dei curdi bombardati da Ankara nel nord di Siria e Iraq

di Antonio Michele Storto Se è ormai pacifico che il 2024 sarà l’anno che ...

D’uranio si muore

Dopo anni di rinvii dovrebbe arrivare al Parlamento Italiano la proposta di legge che tutela i malati della “sindrome dei Balcani”, in ricordo anche dell'archeologo Fabio Maniscalco

La guerra uccide, anche a distanza di tempo, anche quando sembra di averla scampata. ...