EZLN: un’idea di mondo diverso possibile – II PARTE

In un mondo che cambia la rivoluzione dell'EZLN è elemento continuativo, seppur in trasformazione, che resta saldo nel pensiero e nella pratica anti-capitalista

di Andrea Cegna

Qui la I Parte

Spesso l’EZLN ha deciso di “giocare” dentro e attorno al campo delle elezioni presidenziali: nel 1994 candidando Amado Avendaño a governatore ribelle del Chiapas. Il 3 dicembre del 2000, dopo che il neo presidente Vicente Fox nel momento della sua proclamazione disse che avrebbe risolto il conflitto armato in Chiapas in 15 minuti, lanciarono la Marcia del Colore della Terra per esigere la messa in pratica degli accordi di San Andres. Nel 2006 ci fu la Otra Campagna, mentre nel 2018 parteciparono al processo dal basso di tentativo di candidatura indipendente di una donna indigena, Marichuy. Solo nel 2012 e così in questo 2024 hanno deciso di guardare a distanza, e di concentrarsi sul loro processo interno.

Un processo che oggi deve fare i conti con gli anni che passano, le nuove generazioni che non conoscono la vita fuori dall’ambito rivoluzionario, la crisi dei movimenti sociali in Messico, in Latino America (a parte quello femminista) e nel mondo, la minor attenzione solidaria che appoggia la lotta zapatista, la violenza di stato e dei gruppi criminali, gli scontri interni al capitalismo mondiale, la migrazione sia come processo continentale che proprio delle comunità indigene, la crescente necessità di campi e di innovazione che attraversano la vita della comunità. La rivolta zapatista ha migliorato la vita indigena, ha cambiato la vita di chi fa parte dell’organizzazione ma obbligando i governi a riconoscere l’esistenza dei popoli originari e fornire, per quanto in maniera insufficiente, forme di welfare che evitassero che l’esempio zapatista si replicasse altrove o allargasse in Chiapas ha fatto si che la vita indigena migliorasse in tutto il Messico.

E non solo. L’EZLN sta però facendo, in maniera pubblica, i conti anche con i suoi errori. Nell’ultimo decennio, a partire dall’escuelita zapatista e dal racconto dei primi anni di autonomia, si è aperto un confronto interno su ciò che non ha funzionato nell’autogoverno. Il “regalo di compleanno dei primi 30 anni di rivoluzione” è stato quello di raccontare pubblicamente ciò che gli ha spinti a chiudere l’esperienza dei Municipi Autonomi Ribelli (fondati nel 1995) e delle Giunte di Buon Governo (2003) per dare spazio ad una nuova struttura che riconosce la puntiformità dell’adesione all’organizzazione e permettere un maggior dialogo tra le famiglie delle comunità. I GAL ovvero Governo Autonomo Locale sono la base della nuova forma organizzativa. Chi non è mai stato in terra zapatista deve pensare che il territorio organizzato e amministrato dall’EZLN non è mai stato omogeneo, le comunità che si proclamavano ribelli non sempre vedevano l’adesione alla rivoluzione di tutti e tutti i suoi abitanti, e soprattutto non tutte le comunità in terra Zapatista aderivano all’EZLN.

Questa scelta libera e consapevole di aderire all’organizzazione in questi anni ha generato una nuova geografia e geometria relazionale con famiglie e comunità mai state zapatiste che lo sono diventate, così come famiglie e comunità storicamente zapatiste che hanno deciso di uscire dall’organizzazione. Chi non è più zapatista, o non è mai stato zapatista, non per forza è anti-zapatista. Situazione complessa che nasce da un territorio segnato storicamente dall’organizzazione indigena e campesina. Nei primi decenni di vita l’EZLN è riuscito a creare ponti e dialoghi con diversi soggetti nel nome di una rete di dignificazione dell’essere indigeni. Rete nata già prima dell’esplosione armata e che ha retto fino alla fine degli anni ’90 quando a partire dal massacro di Acteal e la cooptazione di gruppi paramilitari e stata poi sviluppata la “guerra di bassa intensità”. Oggi il conflitto generato dalle politiche pubbliche viene declassato a scontro inter-comunitario ma è figlio di un processo di contrasto alla rivoluzione zapatista che ha soffiato sul vento della differenza e spinto alla divisione tra gruppi organizzati prima e quindi alla divisione interna alle singole comunità. L’Orcao è l’organizzazione campesina, che assieme alla CIOAC, più agisce violenza contro l’esperienza zapatista.

Come ci ricorda Desinformemonos “ORCAO è stata fondata nel 1988 da 12 comunità del comune di Ocosingo, in Chiapas, come organizzazione legittima che chiedeva prezzi migliori per il caffè e una soluzione all’arretratezza agraria. In breve tempo si sono aggiunte molte altre comunità. Per anni, ORCAO ha mantenuto legami con lo zapatismo. Tuttavia, questi furono interrotti alla fine degli anni ’90, quando l’organizzazione, come molte altre, cedette alla tentazione per ottenere il sostegno del governo e le cariche pubbliche in cambio di favori. La rottura si aggravò con l’arrivo di Pablo Salazar come governatore del Chiapas nel 2000. L’ORCAO abbandonò allora la lotta e si alleò con il governo, rompendo con l’EZLN per avere accesso al denaro pubblico. Da quel momento in poi, le aggressioni sono diventate sempre più frequenti e violente”.

Ed è nello scenario puntiforme del mondo indigeno chiapaneco che l’EZLN oggi si colloca. Sa di essere uno dei soggetti organizzati dello stato e cercando di rompere le logiche conflittuali agite da altri gruppi e sostenute dalle politiche pubbliche statali e federali fa un passo indietro, non mette più il cappello “territoriale” e facendo si che l’adesione allo zapatismo sia soggettiva ed individuale cerca di rendere vane le pressioni che famiglie non zapatiste in comunità autonome subivano. Non solo, la proposta riorganizzativa della struttura civile zapatista si accompagna, per me, all’idea di gestione comune e non proprietaria dei campi. L’idea del comune e della non proprietà è la grande proposta zapatista per il futuro. Gran parte delle politiche pubbliche di “welfare” indigeno si basano sulla presentazione di attestati di proprietà di campi, una misura sporca e violenta che ha alimentato tensioni per due motivi: la prima è che il 1 gennaio del 1994 l’EZLN ha occupato 700mila ettari di campi che i latifondisti avevano sottratto alle comunità, campi oggi che vedono sorgere per esempio i Caracoles o le cliniche autonome.

La seconda è che uno dei grandi lasciti dell’asse rivoluzionario di Zapata e Villa del secolo scorso è la creazione per costituzione dei campo ejidali, ovvero comunitari e collettivi. La pretesa di attestati di proprietà per poter accedere ai programmi governativi ha quindi scatenato la ricerca di pezzi di carta e scontro per l’utilizzo dei campi alimentando logiche individualistiche e aliene al diritto comunitario.E così è stato creato a tavolino un sentimento di rifiuto della pratica d’occupazione dei campi operato nel 1994 dall’EZLN. Zapatiste e zapatisti rompono la logica della proprietà e la proposta di utilizzare i campi occupati come campi comuni prova a ribaltare lo scontro voluto dal governo e offre un processo di pace nel nome della pratica dello sviluppo ancestrale delle comunità: il lavoro di campo. Un tempo a questa magnifica proposta di declinare l’idea “del comune” in senso indigenista si sarebbe affiancato un momento di incontro tra intellettuali e movimenti autonomi indigeni di tutto il mondo, così da creare un nuovo significato al concetto di “comune”.

L’EZLN ha sempre ricordato l’urgenza di tenere assieme teoria e pratica. Il nuovo corso dello zapatismo invece ci suggerisce, assieme al silenzio in cui l’EZLN è tornato dopo il 1 gennaio di quest’anno, una pratica diretta senza bisogno di spettacolari convocazioni, di seminari internazionali, di congressi intergalattici e di momenti pubblici di creazione di significato altro a quello che hanno determinato come necessario per il loro sviluppo. Forse anche per questo nell’ultimo decennio l’attenzione internazionale alla lotta zapatista è calata. Forse è proprio una scelta interna che si è materializzata anche con la Gira Zapatista per l’Europa dove, nonostante la presenza del portavoce Moises, hanno deciso di non avere momenti pubblici ed incontri con la stampa…..nemmeno quella di movimento. Una scelta che io ancora non capisco fino in fondo ma che allo stesso tempo, non solo, rispetto come si deve rispettare ogni scelta di chi ha fatto dell’autonomia il centro della pratica politica rivoluzionaria ma soprattutto rispetto perchè fatta da chi da 40 anni sta organizzando, costruendo e vivendo uno dei pochi esperimenti di altro mondo possibile.

A volte penso che ciò che penso io e avrei fatto io vale giusto per me e non può essere elemento reale di valutazione di un percorso che ha dimostrato negli anni, tra vittorie, errori, momenti moltitudinari, fallimenti, creazione d’immaginario, e capacità di mettersi in discussione di saper rispondere e resistere ad ogni attacco e cambiamento. E forse è bene ricordare che la mia osservazione è intrisa, anche se non vorrei, di un retaggio coloniale e patriarcale da cui certamente non mi sono liberato. E così a 30 anni dal 1 gennaio del 1994 poco importanta quel che avrei fatto io, poco importa se questo 1 gennaio mi aspettavo un discorso più ampio e di fase, poco importa se la Gira Zapatista per l’Europa per me doveva essere anche un momento di rilancio della loro situazione e capace di creare nuova attenzione, quel che è importante è che il laboratorio zapatista è nuovamente cambiato generando idea e nuova attenzione. Senza snaturarsi, continuando nella meravigliosa e coraggiosa pratica di messa in discussione del ruolo pubblico di uno dei pensatori critici più influenti degli ultimi 30 anni, ovvero chi si nasconde dietro al passamontagna e al nome di Marcos, Così come nella capacità sconvolgente, almeno per me, di prendere in mano idee e suggestioni di altri mondi e farle proprie, resistendo ad una guerra crudele e letale senza accettare la logica della violenza.

Guardare ai cambi dell’EZLN è necessario ed è un qualcosa da fare con attenzione, con il rispetto dovuto a compagne e compagni in lotta, senza porsi in una posizione di vantaggio o di giudizio ma con la logica del pensiero critico. Supportare oggi il processo di resistenza è importante come lo era ieri. Trovare nuove forme di dialogo è necessario per uscire dalla pratica occindentalecentrica della solidarietà ed entrare in quella della complicità perchè come i Clash dicevano “il futuro non è scritto”. E Allende resistendo nel palazzo della Moneda disse “la storia è nostra, e la fanno i popoli”.

Tags:

Ads

You May Also Like

Il carcere “autogestito” di La Paz

La realtà dei detenuti nella prigione della capitale boliviana. Una città dentro la città

di Giulia Martello* La Paz – Il carcere di San Pedro, si trova in ...

Quella nostra fascia bianca

Un commento sui trent'anni che ci separano dala strage di Prijedor

di Edvard Cucek Trent’anni fa una giunta militare guidata dai serbo-bosniaci aveva preso il ...

La strada in salita della parità di genere

La Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne ci ricorda anche quanto ancora siamo lontani dai uno dei principi costitutivi dell'Unione europea. Un Focus sulle disparità nel settore della ricerca e dell'innovazione

Se la violenza è anche figlia della disuguaglianza allora è bene sottolineare che in ...