Schiaffo cinese

Nel piano di sviluppo delle forze armate della Rpc una messa in guardia agli Stati Uniti. La spesa militare di Pechino crescerà del 7,5% nel 2019

Una spesa per la difesa che dovrebbe aumentare del 7,5% quest’anno, seconda solo agli Stati Uniti. E accuse forti a Washington di aver indebolito la stabilità strategica globale radicando presenza militare e alleanze. Infine una messa in guardia sula capacità di reazione di Pechino se provocata. E’ quanto emerge dal libro bianco del ministero della Difesa cinese che delinea i piani per un’ulteriore modernizzazione delle forze armate all’interno della competizione strategica internazionale.

Pechino accusa gli Stati Uniti – con cui è già in atto una guerra commerciale – di adottare “politiche unilaterali” intensificando “la concorrenza tra i Paesi e aumentando in modo significativo la spesa per la difesa” sia tattica sia nucleare, spaziale, informatica e missilistica. Uno scenario che secondo la Cina compromette la stabilità strategica globale.

Il documento “riflette le realtà sul campo”, ha detto ad Al Jazeera Victor Gao, direttore della China National Association of International Studies. Il documento segue la prima operazione di pattugliamento aereo congiunto Cina – Russia, esercitazione che ha suscitato proteste in Corea del Sud e in Giappone, dove il loro spazio aereo sarebbe stato violato. L’ufficio della presidenza di Seul, riferisce Bbc, ha in seguito fatto sapere che Mosca si è scusata per un episodio “non intenzionale”.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Attenti a quei due

Continua a salire la tensione in Europa orientale tra Kiev e Mosca. Con parole e fatti

L’Ucraina  ha condannato il piano della Russia di schierare un quarto battaglione missilistico S-400* ...

COMUNICATO STAMPA – Le truppe straniere agli occhi degli afghani

Presentata la ricerca effettuata nelle province afghane occidentali sotto il comando italiano Isaf-Nato 7 ...

La finanza e la giunta birmana

Prosegue l'inchiesta sui legami tra imprese straniere e il nuovo ordinamento nato dopo il golpe in Myanmar del febbraio 2021. E spuntano anche banche europee e italiane

di Alessandro De Pascale Emanuele Giordana C’è anche la finanza italiana nell’ultima denuncia di ...