Schiaffo cinese

Nel piano di sviluppo delle forze armate della Rpc una messa in guardia agli Stati Uniti. La spesa militare di Pechino crescerà del 7,5% nel 2019

Una spesa per la difesa che dovrebbe aumentare del 7,5% quest’anno, seconda solo agli Stati Uniti. E accuse forti a Washington di aver indebolito la stabilità strategica globale radicando presenza militare e alleanze. Infine una messa in guardia sula capacità di reazione di Pechino se provocata. E’ quanto emerge dal libro bianco del ministero della Difesa cinese che delinea i piani per un’ulteriore modernizzazione delle forze armate all’interno della competizione strategica internazionale.

Pechino accusa gli Stati Uniti – con cui è già in atto una guerra commerciale – di adottare “politiche unilaterali” intensificando “la concorrenza tra i Paesi e aumentando in modo significativo la spesa per la difesa” sia tattica sia nucleare, spaziale, informatica e missilistica. Uno scenario che secondo la Cina compromette la stabilità strategica globale.

Il documento “riflette le realtà sul campo”, ha detto ad Al Jazeera Victor Gao, direttore della China National Association of International Studies. Il documento segue la prima operazione di pattugliamento aereo congiunto Cina – Russia, esercitazione che ha suscitato proteste in Corea del Sud e in Giappone, dove il loro spazio aereo sarebbe stato violato. L’ufficio della presidenza di Seul, riferisce Bbc, ha in seguito fatto sapere che Mosca si è scusata per un episodio “non intenzionale”.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Maduro presidente bis

Le elezioni arrivano al termine di un anno molto difficile per il Paese. Polemiche su astensionismo e brogli. Il "Gruppo di Lima" richiama i suoi 14 ambasciatori

Nicolas Maduro è stato rieletto presidente del Venezuela. Le elezioni del maggio 2018 arrivano ...

La crisi in Nicaragua al Consiglio di Sicurezza

Il CdS delle Nazioni Unite decide oggi se mettere in agenda la crisi del Nicaragua. Per il presidente Ortega le proteste sono un tentativo di colpo di stato e le Organizzazioni umanitarie internazionali “mentitori abituali”. Ma un rapporto dell’Alto commissariato per i diritti umani smentisce le tesi ufficiali e condanna l’esecutivo

di Adalberto Belfiore Su richiesta degli Stati Uniti oggi il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ...

Lo scenario dopo il fallito mini-golpe

In Venezuela il pronunciamento di un gruppo di militari ribelli - subito arrestati -  potrebbe essere il segnale di una svolta. E forse cambiare gli equilibri nello scontro istituzionale fra Maduro e il Parlamento controllato dall’opposizione

Ieri mattina Caracas si è svegliata di soprassalto. Alle prime luci dell’alba di lunedì, ...