Schiaffo cinese

Nel piano di sviluppo delle forze armate della Rpc una messa in guardia agli Stati Uniti. La spesa militare di Pechino crescerà del 7,5% nel 2019

Una spesa per la difesa che dovrebbe aumentare del 7,5% quest’anno, seconda solo agli Stati Uniti. E accuse forti a Washington di aver indebolito la stabilità strategica globale radicando presenza militare e alleanze. Infine una messa in guardia sula capacità di reazione di Pechino se provocata. E’ quanto emerge dal libro bianco del ministero della Difesa cinese che delinea i piani per un’ulteriore modernizzazione delle forze armate all’interno della competizione strategica internazionale.

Pechino accusa gli Stati Uniti – con cui è già in atto una guerra commerciale – di adottare “politiche unilaterali” intensificando “la concorrenza tra i Paesi e aumentando in modo significativo la spesa per la difesa” sia tattica sia nucleare, spaziale, informatica e missilistica. Uno scenario che secondo la Cina compromette la stabilità strategica globale.

Il documento “riflette le realtà sul campo”, ha detto ad Al Jazeera Victor Gao, direttore della China National Association of International Studies. Il documento segue la prima operazione di pattugliamento aereo congiunto Cina – Russia, esercitazione che ha suscitato proteste in Corea del Sud e in Giappone, dove il loro spazio aereo sarebbe stato violato. L’ufficio della presidenza di Seul, riferisce Bbc, ha in seguito fatto sapere che Mosca si è scusata per un episodio “non intenzionale”.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Turchia vs Curdi: il via libera della Nato

Dietro le rituali formule della diplomazia una sostanziale luce verde al governo Erdogan

Spesso una fotografia e un comunicato stampa ufficiale dicono più di molte analisi. Il ...

Armi e digitale italiano in Myanmar. Atlante fa squadra

Con Italia-Birmania, Rete Pace Disarmo, Amnesty Italia e Opal partecipiamo a un gruppo di lavoro che cerca di vederci chiaro sull'esportazione di materiali usati dalla giunta birmana nella repressione delle proteste. Un impegno civile accanto alle vittime del golpe di febbraio

Kashmir: Islamabad chiede che intervenga l’Onu

Il Pakistan vuole portare la questione davanti al Consiglio di sicurezza

di Emanuele Giordana Il Pakistan vuole internazionalizzare il dossier Kashmir dopo che Delhi ha deciso ...