Stop bombardamenti in Iraq

Le operazioni militari nel Nord del Paese hanno provocato in oltre 30 anni vittime, sfollamenti e distruzione. Una campagna internazionale per dire basta

Le operazioni militari a Nord dell’Iraq non si sono mai fermate negli ultimi trent’anni. Migliaia le vittime, i feriti, gli ettari di terre agricole distrutti e i capi di bestiame uccisi. Una distruzione costante che ha costretto più di cinquecento villaggi al trasferimento. Per dire basta a queste incursioni armate il Christian Peacemaker Team-Iraqi Kurdistan (Cpt-Ik), l’Iraqi Civil Society Solidarity Initiative (Icssi) e il Kurdistan Social Forum (Ksf) hanno lanciato un appello alle organizzazioni internazionali e irachene per aderire alla campagna internazionale per la fine dei bombardamenti transfrontalieri nel Kurdistan iracheno.

“La Turchia e l’Iran – si legge nell’appello- hanno condotto operazioni militari transfrontaliere – bombardamenti, sorveglianza con droni e attacchi da parte delle forze di terra nel Nord dell’Iraq da più di 30 anni”

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Secondo i promotori a causa di queste operazioni migliaia di famiglie hanno perso i mezzi di sostentamento e sono state messe a repentaglio la vita, la cultura e le tradizioni di varie comunità etniche e religiose, tra cui yezidi, cristiani assiri, shabak, caldei e turkmeni, che abitano nella Regione.

“Il nostro obiettivo – si legge – è un cessate il fuoco completo e totale da parte della Turchia e dell’Iran nel Kurdistan iracheno e la rimozione di tutte le basi militari straniere dalla regione. Lavoriamo per fare pressione sul governo regionale del Kurdistan e sul governo federale dell’Iraq affinché proteggano i civili nella regione, riconoscano le sofferenze che hanno subito e forniscano assistenza umanitaria. E chiediamo ai governi di Ankara, Teheran, Baghdad ed Erbil, così come alle Nazioni Unite, di perseguire un mezzo diplomatico per porre fine ai combattimenti”.

di Red/Al.Pi

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Pace vs guerra: tre punti fermi

C'è un aggressore e c'è un aggredito. Quel che dobbiamo e possiamo fare per far tacere le armi

di Raffaele Crocco Mentre le bombe cadono ancora sulla gente d’Ucraina, tornare a parlare ...

Thailandia: ora si teme una svolta autoritaria

Il Premier contestato minaccia: "useremo tutte le leggi per fermare una protesta che sta degenerando. Prossimo appuntamento in piazza martedi

Uganda, le contraddizioni di una fragile pace

Di Raffaele Crocco da Kampala. Kampala è una città che cresce. Il problema è ...