Stupri e violenze, le armi della guerra ucraina

Lo stupro come arma di distruzione  per mettere a tacere giornalisti, prigionieri, attivisti.

Se ne parla di un  dettagliato reportage sulle pagine di Internazionale scritto dai gionalisti Ilioné Schultz  e Marie-Alix Détrie.

Il reportage racconta le torture e le violenze subite da più persone e in più contesti, da entrambe le parte in conflitto.

L’inchiesta fa parte del progetto Zero Impunity, che documenta e denuncia l’impunità di cui godono i responsabili di violenze sessuali in contesti di guerra.

Il progetto è a cura di Nicolas Blies, Stéphane Hueber-Blies e Marion Guth (a_Bahn), che attraverso il loro sito promuovono anche una mobilitazione online per  perseguire i colpevoli.

A documentare gli abusi in Ucraina anche due ong Giustizia per la pace nel Donbass e l’Uccello Blu.

Qui il reportage integrale

Tags:

Ads

You May Also Like

Guaidò promette la spallata finale e Maduro

Mentre in Venezuela scarseggia anche l’acqua, gli Usa inaspriscono l’embargo, bloccano il petrolio diretto a Cuba e chiedono alla Russia di ritirare le sue truppe. L’opposizione lancia una nuova campagna per destituire il presidente con la protesta popolare

di Maurizio Sacchi Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaidó ha lanciato questo sabato quella ...

La politica spagnola e il Sahara Occidentale

Pedro Sánchez potrebbe essere il primo Presidente democratico a muoversi per riconoscere la sovranità saharawi ma ancora siamo ad un nulla di fatto

La voce dei Non Allineati

Al vertice a distanza organizzato dall'Azerbaigian i Paesi hanno discusso della pandemia ma è stato l'occasione per lanciare alcuni affondi

I Paesi non allineati si sono incontrati a distanza in un summit dal titolo-slogan ...