Sudan, il ritorno dei militari (aggiornato)

Arrestato dai soldati nella capitale il Primo ministro Abdalla Hamdok. Proteste nelle piazze con le prime vittime e decine di feriti. Dichiarato lo stato di emergenza e sciolto l'esecutivo

Proteste nelle strade con già due morti e decine di feriti, spari sulla folla, dichiarazione dello stato di emergenza, nubi nere di fumo da copertoni bruciati e la notizia dei primi feriti nelle piazze della capitale dove la gente si è radunata a dimostrare contro le forze militari sudanesi che hanno arrestato stamattina quasi una decina di alti esponenti del Governo del Paese, secondo quanto hanno detto funzionari locali, mentre il principale gruppo pro-democrazia del Sudan – Sudanese Professionals’ Association – invitava le persone a scendere nelle strade per contrastare quello che è ormai un vero e proprio  colpo di stato militare. Il Comitato centrale dei medici sudanesi ha affermato – riferisce  Al Jazeera -che due persone sono morte per ferite da arma da fuoco (ma sarebbero di più secondo altre fonti) mentre almeno altre 80 sono rimaste ferite dopo essere state colpite dalle forze militari durante le proteste contro il golpe della mattina.

Le forze militari del Sudan  hanno trasferito il primo ministro Abdalla Hamdok in un luogo sconosciuto dopo averlo messo agli arresti domiciliari, secondo fonti del  ministero dell’Informazione del Paese. Al Hadath TV  ha confermato che anche diversi membri della leadership civile sudanese  sono stati arrestati.  Internet e le linee telefoniche  sono state bloccate dai golpisti. Decisa la reazione internazionale, dall’Onu ad Amnesty, dagli Usa a diversi governi europei (una sintesi qui).

“Dopo che si è rifiutato di prendere parte al colpo di stato – scrive ancota la Tv del Qatar – l’esercito ha arrestato il Primo ministro Abdalla Hamdok  a destra nell’immagine) e lo ha portato in un luogo non identificato”, ha reso noto il  ministero in una nota. Gli altri funzionari civili presi in custodia includono il ministro dell’Industria Ibrahim al-Sheikh e il Governatore della capitale del Sudan Khartoum, Ayman Khalid.  Anche il ministro dell’informazione Hamza Baloul, il consigliere per i media del primo ministro, Faisal Mohammed Saleh, e il portavoce del consiglio sovrano al Governo del Sudan, Mohammed al-Fiky Suliman, sono stati arrestati, ha reso noto  l’agenzia di stampa Associated Press.

Il Sudan vive da tempo giornate di tensione dopo che  un fallito colpo di stato il mese scorso ha scatenato aspre recriminazioni tra gruppi militari e civili nel Paese nonostante l’accordo per tentare di  condividere il potere dopo la caduta del leader di lunga data del Sudan Omar al-Bashir e dopo una transizione che sembrava, nonostante violenze  e morti, aver imboccato una strada pacifica. Avvisaglie di un deterioramento della situazione politica  si sono viste nei giorni scorsi quando grandi manifestazioni di segno opposto hanno attraversato le strade della capitale Khartoum.

In un discorso televisivo, il generale Abdel-Fattah al-Burhan – riferisce France24 – ha annunciato lo scioglimento del Consiglio sovrano al governo così come l’esecutivo  da Abdalla Hamdok. Burhan è un  militare alla guida del Consiglio Sovrano, un organo di governo che condivide il potere. Un nuovo esecutivo  tecnocratico porterà il Paese alle elezioni, ha detto ancora, fissando una data  a luglio 2023. La litigiosità tra  le fazioni politiche avrebbe spinto i militari a intervenire. In risposta, migliaia di persone hanno invaso le strade di  Khartoum, e della sua città gemella di Omdurman per protestare contro il golpe. Video  sui social media hanno anche mostrato grandi folle che attraversavano i ponti sul Nilo fino al centro della capitale.

 

Puoi ascoltare qui una sintesi audio (nella seconda parte del programma di Diritti&Rovesci) sugli ultimi mesi in Sudan fino al golpe di stamattina 

 

(Red/Est) aggiornato ore 18.00

In copertina un fermo immagine  da un video di Ansa-Afp che si può vedere qui

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Un angelo bizzarro nella Jugoslavia in fiamme

Un libro e una storia, che stanno diventando un film,  raccontano l’umanità nei tempi bui. Protagonista un militare straniero avventuratosi in quei conflitti. In macchina

Pakistan, sposarsi per forza diventa un gioco

di Ilario Pedrini Il matrimonio forzato è «un matrimonio in cui uno o entrambi ...

Trump, Abu Mazen e la Palestina 2017

E’ stato rieletto per acclamazione il leader di Al Fatah Abu Mazen. La rielezione ...