Tra un mese contro le guerre

Il prossimo 24 febbraio una Giornata nazionale di mobilitazione nelle città italiane per fermare la "criminale follia di tutte i conflitti,  la corsa al riarmo, la distruzione del Pianeta"

Ad un mese dal secondo anniversario dall’invasione russa dell’Ucraina il movimento per la Pace e il disarmo italiano annuncia che si ritroverà ancora una volta in tutte le città d’Italia per chiedere di cessare il fuoco e percorsi negoziali di risoluzione dei conflitti. Si svolgerà infatti il 24 febbraio 2024 una Giornata di mobilitazione nazionale promossa dalle coalizioni “Europe for Peace” e “Assisi Pace Giusta”, che raccolgono centinaia di organizzazioni della società civile italiana. L’invito è  rivolto a tutte le reti territoriali della società civile che in questi mesi ha continuato ad attivarsi per la Pace è quello di organizzare manifestazioni, marce, eventi, momenti di silenzio, sit-in, convegni. L’appello “Fermiamo la criminale follia di tutte le guerre, la corsa al riarmo, la distruzione del Pianeta” è stato reso noto alcuni giorni fa.

Nel testo di convocazione si legge come “Ormai le guerre si susseguono con ritmo ed intensità crescente. Iniziano ma non finiscono, alimentando solo la fiorente industria e il commercio immorale di armamenti. Stati e Governi sembrano aver perso la capacità di prevenire e gestire i conflitti mediante gli strumenti della diplomazia e della politica, con i quali far applicare e rispettare le convenzioni e il diritto internazionale”. Anche perché “La guerra è tornata ad essere uno strumento di regolazione dei conflitti, mettendo a rischio la sopravvivenza dell’umanità e del pianeta. Ha preso corpo l’idea che l’ordine mondiale debba essere basato sullo scontro tra blocchi e non sulla collaborazione e la giustizia tra i popoli”

Le organizzazioni della società civile italiana, pensano che il percorso della Pace debba essere globale: “L’unica via per fermare la follia criminale delle guerre ed eliminare il rischio di un conflitto nucleare, è unire le forze, assumere le nostre responsabilità civiche e democratiche, schierarsi per la pace, per il diritto internazionale, per la riconversione civile e sostenibile dell’economia, promuovendo la cooperazione e la sovranità dei popoli, eliminando vecchie e nuove forme di colonialismo”. Per farlo, dice ancora l’appello – è necessario “costruire insieme una società globale pacifica, nonviolenta, responsabile, per consegnare alle future generazioni un mondo migliore di quello che abbiamo ricevuto”

Gli impegni specifici che saranno al centro dell’iniziativa del prossimo 24 febbraio sono:

la messa al bando delle armi nucleari
la riduzione immediata delle spese militari a favore della spesa sociale, sanitaria, per la tutela ambientale del territorio e per una difesa civile e nonviolenta
la riconversione dell’industria bellica, che sta traendo immensi profitti dalle guerre e dai conflitti armati
l’immediato cessate il fuoco in Ucraina e nella Striscia di Gaza
la liberazione degli ostaggi israeliani e dei prigionieri palestinesi, la fine dell’assedio e dell’isolamento di Gaza, il libero accesso agli aiuti umanitari e l’assistenza alla popolazione palestinese
il riconoscimento dello Stato di Palestina, la fine dell’occupazione e della violenza in Cisgiordania
la soluzione politica e non militare della guerra in Ucraina, per porre fine all’illegale occupazione russa e per costruire le condizioni di libertà, democrazia, convivenza e di sicurezza comune per l’Europa intera
il riconoscimento del diritto di asilo e la protezione a dissidenti, obiettori di coscienza, renitenti, disertori, profughi, difensori dei diritti umani, giornalisti, attivisti sociali e sindacalisti vittime della repressione politica in ogni contesto e nazione
il rafforzamento dell’azione umanitaria e di protezione dei diritti umani nei contesti di violenza strutturale (Afghanistan, Myanmar, Nagorno Karabakh, Iran…)
lo stanziamento dello 0,7% del PIL a favore della cooperazione allo sviluppo
la promozione di conferenze regionali di Pace sotto l’egida delle Nazioni Unite, per ricostruire convivenza e sicurezza nelle regioni martoriate da guerre in Medio Oriente e in Africa, che coinvolgono milioni di persone che vengono uccise, espulse dalle proprie case, impoverite, costrette alle migrazioni forzate.

24 febbraio 2024
Giornata nazionale di mobilitazione nelle città italiane per il
CESSATE IL FUOCO IN PALESTINA ED IN UCRAINA
“Fermiamo la criminale follia delle guerre!”
“L’Italia deve dire basta alla guerra!”
Lo deve dire ora!

Tags:

Ads

You May Also Like

Alex Zanotelli: rischiamo una Guerra Mondiale

Parla il missionario pacifista, che il 28 maggio chiuderà a Roma l’Eirenefest, il Festival del Libro della Pace e della Nonviolenza: “Bisogna far capire alle persone la follia totale che stiamo vivendo”

di Laura Tussi Al via venerdì 26 maggio a Roma (nel quartiere di San ...

Erdogan il nuovo sultano. Le carte della Turchia nella crisi globale

L'accordo sul grano, i rapporti con Mosca e Kiev, i migranti verso la Ue, la Nato e la questione curda. Come si muove il Presidente della Turchia che dalla guerra ucraina in avanti è assurto a ruolo di gran mediatore

di Filippo Rossi Istanbul -Sono ormai mesi che il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ...

Un angelo bizzarro nella Jugoslavia in fiamme

Un libro e una storia, che stanno diventando un film,  raccontano l’umanità nei tempi bui. Protagonista un militare straniero avventuratosi in quei conflitti. In macchina