Turchia vs Curdi: il via libera della Nato

Dietro le rituali formule della diplomazia una sostanziale luce verde al governo Erdogan

Spesso una fotografia e un comunicato stampa ufficiale dicono più di molte analisi. Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha visitato oggi la Turchia  per discutere i preparativi per la riunione dei leader dell’Alleanza a Londra questo dicembre, in occasione del 70mo anniversario della Nato. Stoltenberg ha incontrato dunque  il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e in seguito i ministri di Esteri e Difesa (nella foto di copertina Stoltenberg è con il titolare degli Esteri  Mevlüt Çavuşoğlu). Cosa ha detto loro? Ecco il resoconto di Bruxelles.

Il Segretario Generale – fa sapere il comunicato ufficiale dell’Alleanza –  ha ringraziato la Turchia “per il suo impegno e numerosi contributi alla Nato” e infine “ha anche discusso della situazione in Siria. Ha sottolineato che mentre la Turchia ha legittime preoccupazioni per la sicurezza, mi aspetto che la Turchia agisca con moderazione. Stoltenberg – continua il comunicato – ha espresso le sue serie preoccupazioni per il rischio di destabilizzare ulteriormente la regione, aumentare le tensioni e ancor più sofferenza umana. Ha sottolineato che Abbiamo un nemico comune: Daesh. Alcuni anni fa controllavano un territorio significativo in Iraq e in Siria. Lavorando insieme nella Global Coalition, abbiamo liberato tutto questo territorio e milioni di persone. Questi guadagni non devono essere messi a rischio“.

La ciliegina sulla torta è il finale: “La Turchia è una grande potenza in questa grande regione, ha sottolineato il Segretario Generale, e da una grande potenza derivano grandi responsabilità. Stoltenberg ha esortato la Turchia a evitare qualsiasi azione unilaterale che possa destabilizzare ulteriormente la regione e aumentare le tensioni”.

Il commento è superfluo: agire con moderazione? serie preoccupazioni? e, soprattutto evitare qualsiasi azione unilaterale? come se l’azione unilaterale non fosse già avvenuta. Stoltenberg, anziché condannare l’aggressione quantomeno a parole, dà invece un amichevole buffetto alla Turchia come si fa con gli scolaretti indisciplinati e senza neppure minacciare il 7 in condotta o la sospensione per un giorno. Una sostanziale luce verde a un’aggressione ingiustificata e ingiustificabile

(Red/E.G.)

Tags:

Ads

You May Also Like

La crisi dietro la facciata

La difficile congiuntura economica del Turkmenistan, marcata da iperinflazione e da una diffusa penuria di cibo, ha portato a una repressione del dissenso sempre più dura. La denuncia di un think tank europeo

Il Turkmenistan è un”Economia Potemkin”, con una facciata in marmo e indicatori economici ufficiali ...

Uno spiraglio nell’incubo della guerra infinita

A sorpresa Trump decide che adesso si può negoziare con i talebani. Un passo decisivo che potrebbe cambiare le sorti del conflitto afgano. Che sta per compiere 40 anni

di Emanuele Giordana Per ora son solo indiscrezioni ma se il New York Times ...

Afghanistan, passi avanti e divisioni ai colloqui di Mosca

I russi mettono le zampe nel piatto negoziale afgano. Tutti gli interessi dei convitati di pietra al possibile processo di pace nel paese dell'Hindukush

Dopo un round di colloqui a Mosca, dove hanno partecipato talebani ed esponenti dell’opposizione ...